Tutela del minori e diritti delle donne: l’Arabia Saudita prepara l’apertura?

Secondo quanto riferito da fonti ufficiali, L’Arabia Saudita potrebbe avere in programma di allentare le severe leggi sulla tutela del ramo maschile delle famiglie per, ad esempio, consentire alle donne di lasciare il paese senza l’attuale necessario permesso di un parente maschio.
Le restrizioni di viaggio per le donne di età superiore ai 18 anni dovrebbero essere revocate quest’anno, secondo il Wall Street Journal con cui si sarebbero confidati funzionari sauditi che hanno familiarità con la questione. Le modifiche programmate eliminerebbero anche le restrizioni sui viaggi internazionali per uomini di età inferiore ai 21 anni senza il consenso di membri di sesso maschile designati. Potenziali riforme delle regole di viaggio per le donne sono state menzionate anche martedì nel quotidiano Okaza.
Una tale mossa avrebbe un impatto radicale sulla vita nel regno conservatore, dove le organizzazioni per i diritti umani affermano che il sistema di tutela maschile rende le donne esseri umani e cittadini di seconda classe. Le donne saudite hanno ancora bisogno del permesso di un parente maschio per prendere decisioni importanti sulla vita, compresi il matrimonio, il divorzio e il rilascio di un passaporto. Il sistema rende inoltre difficile per le donne cercare aiuto per problemi di violenza domestica e sessuale o vincere casi di affidamento dei figli. Le leggi sulla tutela del regno sono state sottoposte a nuovo controllo quest’anno dopo che una serie di giovani donne saudite sono fuggite dal paese in cerca di asilo. A gennaio, la diciottenne Rahaf Mohammed Mutlaq al-Qunun ha fatto notizia dopo essere sfuggita ai presunti abusi commessi dalla sua famiglia barricandosi in una stanza d’albergo in Tailandia. Alla fine ha ottenuto lo status di rifugiata in Canada.
Le modifiche riportate alle regole di viaggio sono state raccomandate da un comitato governativo istituito nel 2017 per rivedere l’attuazione spesso ad hoc delle leggi sulla tutela. “Non c’è dubbio che la leadership, il governo e la gente vogliano vedere questo sistema cambiato”, lo ha detto al Journal un dignitario saudita con la conoscenza dei cambiamenti previsti. “L’attuale discussione riguarda come fare in modo che ciò accada il più presto possibile senza provocare scalpore.” L’impulso a riformare le regole di viaggio è arrivato “dall’alto”, ha detto un altro importante dignitario.
Giovedì, la denuncia di revoca delle restrizioni di viaggio è stata accolta con un misto di ottimismo e cautela da parte degli attivisti per i diritti delle donne saudite e delle organizzazioni per i diritti umani. Sarah Leah Whitson, direttore esecutivo della divisione di Human Rights Watch per il Medio Oriente e il Nord Africa, ha dichiarato: “Speriamo sinceramente che sia vero. È strano che questa notizia non sia venuta da un annuncio ufficiale, ma potrebbe essere un segno che internamente c’è uno sforzo per far trapelare informazioni come questa. Il tutto per fare pressione sul principe ereditario saudita Mohammed bin Salman e riuscire finalmente ad ottenere questo cambiamento”.
L’attivista saudita e accademica presso il Massachusetts Institute of Technology, Hala al-Dosari, ha dichiarato: “Se dovesse accadere ciò, ci sarebbe un immediato ridimensionamento del numero delle donne in cerca di asilo in altre nazioni. Sarebbe anche un grande palcoscenico per quelle che per ora sono solo le accennate credenziali di Mohammed Bin Salman come riformatore.” E sì che il principe, soprattutto dopo lo scandalo che lo ha coinvolto per la morte dell’editorialista Jamal Kashoggi all’interno del consolato saudita di Istanbul, avrebbe davvero bisogno di migliorare la propria immagine.
Mohammed Bin Salman, governatore di fatto del regno da quando è stato nominato erede al trono nel 2017, ha iniziato ad attuare ampie riforme sociali ed economiche volte a svezzare il paese dalla sua dipendenza dalle entrate petrolifere. Un decreto reale del 2018 ha posto fine al divieto di guida alle donne, che ora finalmente potranno condurre le proprie vetture. Inoltre, le donne non hanno più bisogno del permesso del loro tutore per ottenere un lavoro, iscriversi all’università o subire un intervento chirurgico.
Tuttavia, il passaggio verso queste assolutamente necessarie libertà, è stato accompagnato da un giro di vite su dozzine di attiviste per i diritti delle donne, molte delle quali rimangono in carcere dove le loro famiglie sostengono che siano regolarmente torturate.
“Se le autorità saudite fossero veramente impegnate per i diritti delle donne, rilascerebbero e abbandonerebbero tutte le accuse contro le donne attiviste, che sono state perseguitate proprio per aver sostenuto che il sistema di tutela maschile fosse abolito. Il rapporto di oggi non deve essere usato come una scusa per alleviare la pressione internazionale sull’Arabia Saudita “, ha detto Taif al-Khudary, funzionario legale presso una ONG.

RK Montanari
RK Montanarihttps://www.lavocedelpatriota.it
Viaggiatrice instancabile, appassionata di fantasy, innamorata della sua Italia.
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

18,234FansLike
4,191FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x