Ucraina. De Carlo (FdI): Sanzioni mirate, ma attenzione all’effetto boomerang. Rischio collasso per il settore agroalimentare

“C’è il pericolo concreto che sia l’Italia stessa a pagare il prezzo più caro per le sanzioni alla Russia: le esportazioni dell’agroalimentare in Russia e Ucraina nel 2021 hanno superato il miliardo di euro, e da questi due stati importiamo una fetta importante del grano che acquistiamo all’estero; grano che peraltro ha già subito pesanti aumenti nei costi a causa del caro-energia. Se ci mettiamo poi il calo della produzione canadese e lo stoccaggio da parte della Cina, la situazione per l’agroalimentare italiano rischia di diventare drammatica. Le sanzioni vanno applicate, ma devono colpire l’imperialismo russo sotto il profilo degli armamenti e non quello agroalimentare, perchè diventerebbe per noi un’autorete clamorosa. La diplomazia italiana lavori per trovare una soluzione a questa crisi, tenendo conto che vengono coinvolti i principali mercati e fornitori del nostro settore primario, già messo in ginocchio dalla pandemia e dal caro-bollette, senza dimenticare gli aumenti dei fertilizzanti che nel giro di un anno hanno visto i loro costi aumentare dal 40 all’80%. Un dramma che oltre ad annullare il settore produttivo si riverserà anche sulle nostre tavole, con impennate difficili dei costi di pane, pasta e biscotti difficili da gestire”.

Lo dichiara il senatore e responsabile nazionale del Dipartimento Agricoltura di Fratelli d’Italia, Luca De Carlo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,396FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati