Ucraina. Il Cremlino ammette che la Russia ha subito perdite “significative”

Il principale portavoce del Cremlino ha ammesso che la Russia ha subito perdite “significative” durante l’invasione dell’Ucraina da parte di Vladimir Putin.

Nella sua prima intervista ai media occidentali, Dmitry Peskov ha affermato che l’“operazione militare speciale” della Russia in Ucraina ha provocato pesanti perdite, sebbene il portavoce del Cremlino non abbia rivelato quanti soldati siano stati uccisi in guerra.

“Abbiamo perdite significative di truppe ed è un’enorme tragedia per noi”, ha ammesso Peskov in un’intervista a Sky News.

Sebbene le stime attuali siano difficili da accertare nella nebbia della guerra, alla fine del mese scorso la NATO ha affermato che il bilancio delle vittime militari russe potrebbe raggiungere i  15.000 , con circa 40.000 catturati, uccisi, feriti o dispersi.

La Russia ha ammesso pubblicamente solo poche centinaia di morti, tuttavia, il mese scorso un giornale filo-Cremlino ha cancellato rapidamente un articolo in cui si affermava che 10.000 soldati russi erano morti.

Il portavoce russo si è anche astenuto dal dire quanti civili sono stati uccisi da quando l’invasione su vasta scala è stata lanciata a febbraio, dicendo che non avrebbe fornito una risposta fino a quando le cifre non fossero state “doppiamente confermate”.

Peskov, che ha rifiutato di caratterizzare l’invasione come una guerra, ha negato le accuse di crimini di guerra o genocidio commesse dall’esercito russo.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
9,630FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati