Ucraina. “Occidente scorti le navi cerealicole e veda il bluff dei russi”.

Secondo l'esperto di intelligence britannico, l'ex Colonello Richard Kemp che scrive sul Telegraph, solo un'azione navale può ridurre questa crisi, per evitare la crisi alimentare e l'instabilità politica in tutto il mondo.

Il blocco imposto da Putin al grano e ad altri prodotti alimentari che lasciano l’Ucraina via mare minaccia una penuria che potrebbe causare la fame per milioni di persone in tutto il mondo e grandi sconvolgimenti politici. La Russia ha attaccato otto navi da carico all’inizio del conflitto e un’altra ha colpito una mina, paralizzando la circolazione marittima nel Mar Nero. Non essendoci altre opzioni praticabili per contrastare la morsa di Mosca, è giunto il momento che una coalizione umanitaria di marine militari organizzi un’operazione per proteggere la navigazione mercantile.

Lo scrive Richard Kemp, Presidente del Cobra Intelligence Group ed ex Colonello al servizio di Sua Maestà.

L’Ucraina è uno dei maggiori fornitori mondiali di mais, orzo e grano e, secondo il ministro dei trasporti britannico Grant Shapps, il blocco potrebbe creare una carestia globale che causerebbe più morti della guerra stessa. Venticinque milioni di tonnellate di grano sono in attesa di essere spedite e i prezzi dei prodotti alimentari stanno salendo vertiginosamente, fino al 50% in alcuni Paesi in via di sviluppo.

Oltre a un disastro umanitario, stiamo affrontando una crisi di sicurezza internazionale. Molti dei 400 milioni di persone che dipendono dal grano ucraino si trovano in Nord Africa e in Medio Oriente, dove si rischia una grave instabilità politica se le popolazioni non possono più permettersi il pane e altri prodotti di base. I forti aumenti del costo del cibo hanno contribuito a scatenare le rivolte della Primavera araba all’inizio del 2010. La scorsa settimana il generale Christopher Cavoli, comandante dell’esercito statunitense in Europa e Nord Africa, ha avvertito che le conseguenze del blocco russo potrebbero rafforzare i gruppi terroristici, tra cui lo Stato Islamico, che prosperano grazie all’insicurezza alimentare e alla povertà. Per non parlare della nuova ondata migratoria verso l’Europa che ne potrebbe derivare.

Presto arriveremo a un punto critico con l’avvicinarsi del raccolto di quest’anno. Le misure per aumentare le spedizioni su rotaia e su strada, anche verso i porti marittimi di Polonia e Romania, sono in atto e stanno facendo la differenza. Ma la capacità portuale sovraccarica e gli scartamenti ferroviari incompatibili, che comportano ritardi fino a un mese, sono tra le numerose sfide logistiche che fanno sì che le rotte terrestri non possano avvicinarsi ai volumi richiesti.

Pochi giorni fa Putin ha suggerito di consentire le spedizioni di grano dall’Ucraina in cambio della revoca delle sanzioni. Ciò rappresenta un dilemma morale per l’Occidente, poiché non si può pensare di allentare la pressione sulla Russia mentre le sue forze uccidono soldati e civili ucraini a migliaia in una guerra che non ha fine. In ogni caso, se consideriamo i precedenti di Putin in materia di impegni umanitari, quanto vale la sua parola?

Solo un’azione navale può ora placare la crisi. Romania, Bulgaria e Turchia – membri della NATO con marine militari nel Mar Nero – anche se disposte a partecipare non hanno capacità sufficienti per questa missione da sole, quindi le navi da guerra di altri Paesi dovrebbero rinforzarle. Il sostegno di Ankara è necessario per consentire l’accesso allo stretto del Bosforo che controlla l’ingresso dal Mediterraneo. Secondo il diritto internazionale, la Turchia può negare il passaggio nello stretto alle navi da guerra e lo ha fatto fin dall’inizio del conflitto. Erdogan potrebbe essere riluttante ad aggravare Putin consentendo ad altre marine della Nato di entrare nel Mar Nero, ma anche lui sarà disposto a ostacolare la prevenzione di una catastrofe globale che colpisca anche la Turchia?

Naturalmente si dovrebbe anche cercare di assicurarsi il sostegno della Russia, poiché anch’essa è interessata a un certo livello di stabilità globale. Ma in realtà, la Russia probabilmente porrebbe il veto a un’operazione sotto l’egida del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Perciò la Nato o una coalizione navale ad hoc che comprenda Regno Unito e Stati Uniti deve mettere insieme una task force, potenzialmente con base nel porto rumeno di Costanza. Una flottiglia di dragamine dovrebbe liberare le corsie di sicurezza dalle mine marine che sono state posate da entrambe le parti dall’inizio della guerra. Fregate e cacciatorpediniere, in stand-by e di base nelle acque rumene, proteggerebbero le navi mercantili che transitano nel Mar Nero in entrambe le direzioni.

Un’operazione su larga scala è pericolosa, ma è realizzabile e allevierebbe le sofferenze senza entrare in conflitto. La verità è che Mosca, che ora sta facendo notevoli progressi nella guerra di terra, ha poco da guadagnare dall’attacco alle navi mercantili. Si agiterà per le navi da guerra della NATO che si trovano a distanza ravvicinata, ma il passo successivo di colpire i rifornimenti di cibo e iniziare un conflitto diretto sarebbe troppo ripido da compiere. In effetti, inviare all’Ucraina grandi quantità di armi letali per attaccare le truppe russe è molto più provocatorio che scortare navi mercantili in missione umanitaria.

Con cautela, dovremmo affrontare questa conversazione. Valutiamo il rischio e paragoniamolo alla tragedia che dobbiamo affrontare: la carestia e la violenza diffusa nei Paesi in via di sviluppo. Se Putin raggiungerà i suoi obiettivi nel Donbas, la sua prossima mossa sarà probabilmente quella di conquistare l’intera linea costiera dell’Ucraina, il che farebbe sembrare la sicurezza delle esportazioni di grano nelle condizioni attuali una passeggiata nel parco.

 

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,496FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati