Ue, FdI: si al recovery fund ma no a nuove tasse europee contro le PMI

“La risoluzione in votazione domani al Parlamento Europeo sul e sul prossimo QFP (Quadro Finanziario Pluriennale) contiene alcuni aspetti positivi che sosteniamo con forza, a partire proprio dal fondo per la ricostruzione che vogliamo immediato, cospicuo e basato soprattutto su contributi a fondo perduto e non su ulteriori prestiti”. È quanto dichiara in una nota il Capodelegazione di Fratelli d’Italia al Parlamento Europeo, Carlo Fidanza.
“Purtroppo lo stesso testo, oltre a un eccessivo richiamo al Green Deal, riporta una forte richiesta di istituire nuove risorse proprie. Tra queste, oltre a eventuali tasse su digitale , transazioni finanziarie e emissioni inquinanti dei produttori extra-Ue, ci sono purtroppo nuove tasse sulle aziende e l’imposta europea sulla plastica. Purtroppo, se il testo non verrà emendato su queste parti, saremo costretti ad astenerci per non essere complici di un’altra stangata sulle nostre PMI”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,174FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati