Ue, Fidanza (FdI-ECR): fondi a paesi terzi solo se difendono libertà religiosa

“Oggi ricorre la Giornata internazionale di commemorazione delle vittime degli atti di violenza su base religiosa o di credo. In questa giornata è doveroso non solo ricordare chi ha pagato e chi ancora ogni giorno paga sulla propria pelle la sola colpa di credere, ma è necessario rafforzare gli strumenti che l'Unione europea può mettere in campo affinché il diritto umano fondamentale alla libertà religiosa venga protetto e garantito ovunque nel mondo”. È quanto dichiara in una nota Carlo Fidanza, capodelegazione di Fratelli d'Italia-ECR e Presidente dell'Intergruppo per la libertà religiosa al Parlamento Europeo. “Tra questi è indispensabile che, in ogni accordo commerciale o di cooperazione tra l'Ue e Paesi terzi, venga espressamente inserita come condizione per l'erogazione dei finanziamenti Ue il rispetto di questo diritto, a difesa di tutte le minoranze. Tra questi interventi, uno dei più urgenti deve essere rivolto al Pakistan le cui “leggi anti-blasfemia” sono diventate l'elemento di legittimazione delle violenze islamiste contro i cristiani, come abbiamo visto nei recenti fatti di Jaranwala. L'Europa recuperi la sua anima e la sua missione e difenda la libertà di credo.”

0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,551FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x