Ue, Fidanza: Sassoli mistifica voto FdI su risorse proprie

In preda alla disperazione per la probabile sconfitta di lunedì, i vertici del Pd delirano sull’Europa. Zingaretti tornando alla carica con la teoria “con le destre saremmo tutti morti” e Sassoli mistificando il voto espresso da Fratelli d’Italia ieri a Bruxelles. Il Presidente del Parlamento Europeo, dismettendo ancora una volta i panni istituzionali e trasformandosi in un agit prop tardo-comunista, arriva a sostenere che avrebbe votato contro i 209 miliardi all’Italia. In realtà la delegazione europea di si è astenuta sulle cosiddette risorse proprie, ovvero le nuove tasse europee che dovrebbero andare a coprire la restituzione della maxi-emissione di debito europeo che finanzierà il Recovery Fund (che quindi non è gratis come vorrebbero farci credere!), perché tra queste tasse ce ne sono alcune inique e dannose per l’Italia e altre che partiranno troppo tardi. Nella prima categoria rientra la plastic tax, che partirà addirittura il 1 gennaio 2021, cioè ben prima che una sola impresa italiana benefici di un euro del Recovery Fund. Nella seconda categoria rientrano tasse come quelle sul digitale, sulle transazioni finanziarie o sui prodotti cinesi su cui invece l’Ue ancora balbetta. Anziché sparare a salve contro FdI, Sassoli utilizzi il suo ruolo per salvaguardare le imprese italiane e orientare la tassazione sui colossi extraeuropei.

È quanto dichiara in una nota il Capodelegazione di Fratelli d’Italia al Parlamento Europeo, Carlo Fidanza.

Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,186FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati