Ue, Nesci (FdI-Ecr): Bene iniziativa UE su trappola dei talenti, ma occorre pensare a programmi specifici per arginare la migrazione occupazionale

“Non può che essere accolta con favore l’iniziativa promossa dall’Europa per arginare il fenomeno della cosiddetta ‘fuga di cervelli’ che colpisce soprattutto le aree più periferiche e dove le competenze e le abilità vengono svilite da contesti socio-economici non adeguati a farle emergere”. E’ quanto ha dichiarato l’eurodeputato di FdI- Ecr Denis Nesci, intervenendo in Commissione REGI, in occasione della comunicazione sulla valorizzazione dei talenti nelle regioni europee del Commissario per la coesione e le riforme Elisa Ferreira.
“L’impegno dell’UE a non lasciare indietro nessuno, rafforzando la resilienza e l’attrattiva delle regioni che subiscono questo spopolamento, va nella direzione di non disperdere il patrimonio di generazioni intere
che hanno investito tempo e denaro nella loro formazione nel loro paese d’origine. In questo quadro il meccanismo di incentivazione dei talenti pensato dalla Commissione, deve puntare a programmi specifici per le regioni interessate a migliorare l’accessibilità al mondo del lavoro, scoraggiando un approccio piatto, finalizzato a forme di assistenzialismo di stato, e puntando ad un nuovo dinamismo occupazionale in grado di sconfiggere il fenomeno della transizione demografica e della conseguente ‘fughe di talenti’”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Discussioni

12,117FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati