Ue, Rampelli (VPC-FdI): paradosso del linguaggio inclusivo…autoesclude

“Il paradosso del linguaggio ‘inclusivo’ è quello di aver indotto all’autoesclusione chi lo ha scritto. Quando si agisce con prepotenza sulla cultura, sulla religione, sugli usi e sui costumi, quando si cerca di imporre la visione perfetta della società secondo la mentalità dei lumi o la sua versione pasticciata, il ‘politicamente corretto’… si rischia di finire ghigliottinati.
Che questo errore e ripensamento sia da esempio alla tecnocrazia europea. L’inclusione è somma e non sottrazione di identità”.

E’ quanto dichiara il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,672FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati