Ultime dal voto in Europa

Ecco gli ultimi risultati, in parte provvisori in parte ufficiali, che riguardano tutto il Parlamento europeo e provengono da tutti e 28 gli stati .
Socialdemocratici 150 seggi 41 in meno
Sinistra verde 38 seggi 14 in meno
Verdi 70 seggi 20 in più
Liberaldemocratici 107 seggi 40 in più
Non allineati 7 (dato provvisorio)
Altri 28 (dato provvisorio)
Nazionalisti 58 (dato provvisorio)
Libertà e democr. 56 seggi 8 in più
Conserv. E Riform. 58 seggi 12 in meno
P. Popolare Europeo 179 seggi 42 in meno
La lunga notte labor – Dal Regno Unito il lib Dem Jo Swinson ha dichiarato: “Chiaramente il Labor ha avuto una notte atroce e ha assolutamente bisogno di uscire dalla “recinzione” della . Ho parlato con tanti ex elettori laburisti, in alcuni casi persone che hanno votato Labour per tutta la vita, e che hanno votato per la prima volta il liberaldemocratico giovedì. Siamo riusciti nell’impresa – essere in grado di far riunire Michael Heseltine e Alistair Campbell nella cabina elettorale non è cosa da poco.”
Verde è bello? – I partiti Verdi in Germania, Francia e Gran Bretagna e altrove nell’ stanno festeggiando i grandi guadagni elettorali ottenuti in quest’ultima tornata, grazie alle crescenti preoccupazioni degli elettori riguardo al cambiamento climatico. I risultati provvisori di lunedì hanno mostrato che il blocco dei Verdi arriverà al quarto posto nelle elezioni con 70 seggi, un aumento di 18 rispetto al 2014. Se confermato, i risultati potrebbero mettere i Verdi in una posizione tale da far pendere la bilancia quando si tratta di scegliere il prossimo capo della commissione esecutiva dell’. In Germania , i Verdi sono arrivati ​​al secondo posto con oltre il 20%, togliendo oltre un milione di voti a ciascuno dei due partiti centristi di governo. Armin Laschet, il governatore dello stato del Nord Reno-Westfalia e membro del centro-destra blocco Unione del Cancelliere Angela Merkel, ha definito i risultati “un campanello d’allarme per la
Ministro greco? Ma col cuore in Germania – Quando l’ex ministro delle finanze greco Yanis Varoufakis annunciò che avrebbe gareggiato per un seggio nel Parlamento europeo non nella sua natia Grecia, ma in Germania, aveva promesso di rovesciare le convenzioni della europea.
Il suo partito, DiEM25, ha funzionato con una lista paneuropea di candidati greci, austriaci e croati e ha proposto idee accattivanti come i summit europei in diretta streaming e le riunioni della Banca centrale europea. Un modo di fare che lo stesso Varoufakis ha definito come “democratizzare l’Europa”.
Eppure domenica è stata una notte di cupa riflessione per l’uomo una volta famoso per aver fatto un salto ai vertici del governo su una moto. DiEM25 non è riuscito a ottenere un seggio unico, con solo 130.072 voti e una quota complessiva dello 0,3%.
Nonostante il sostegno delle celebrità come di Pamela Anderson e la diffusa copertura mediatica, il partito di Varoufakis è stato superato da partiti di minoranza come il Partito per la protezione degli animali, la festa della famiglia, il partito dei pirati e il gruppo satirico Die PARTEI, il che fa riflettere non poco.
La campagna di DiEM25 si basava sul sostegno dei volontari, con il partito che aveva apertamente rifiutato le donazioni da grandi “elargitori” e istituzioni . Ma i suoi sostenitori si chiederanno se alla fine non sia stato proprio il loro primo candidato a bloccare le ambizioni del nuovo partito in Germania: nel periodo antecedente al voto, infatti, Varoufakis aveva annunciato che si sarebbe dimesso dal suo seggio “dopo poche settimane” anche se fosse stato eletto, per concentrarsi sulle elezioni greche in autunno. E se di essere eletto non fregava niente a lui…
/noBrexit – Steve Baker, vicepresidente del gruppo di ricerca europeo dei deputati votati alla , ha avvertito che i conservatori rischieranno di essere “cancellati” nel Regno Unito se non si decideranno a lascia la adesso. Parlando alla BBC News, Baker ha detto: “Questo è il peggior risultato che abbiamo mai avuto nella storia del partito conservatore. È un momento grave per il nostro partito e il nostro paese. Non sono sorpreso che sia così male. Non puoi rompere le promesse che hai fatto in questo modo e aspettarti di restare impunito.” Baker ha detto che non ha ancora escluso di candidarsi alla guida del partito, ma ha aggiunto di essere “molto consapevole che non si desidera un’enorme quantità di candidati euroscettici che potrebbero dividere il voto in Parlamento”.
Farage a valanga – Il leader del partito , Nigel Farage, ha parlato del successo del suo partito alle elezioni , impegnandosi a sviluppare un manifesto elettorale generale e competere per i seggi nel parlamento del Regno Unito. Sulla e la posizione dei britannici sulla questione, ha poi detto: “Se vai in giro per il paese, lo trovi diviso tipo 52 a 48, a favore della . Siamo praticamente dove eravamo tre anni fa. Le cose non sono cambiate. Le persone non hanno cambiato idea. In realtà, quel referendum è stato vinto da una netta maggioranza di 1,3 milioni. In una democrazia, è la maggioranza che vince. Il problema che abbiamo è che per far funzionare correttamente la democrazia, è necessario il consenso del perdente ed è abbastanza chiaro che le parti restanti non accettano ancora la . Queste battaglie sono purtroppo destinante a continuare.” Farage ha poi aggiunto: “Non avremmo potuto essere più chiari. Il prossimo appuntamento è il 31 ottobre. Il 29 marzo diventerà un grande giorno nelle menti delle persone. Tutto quello che posso dire è questo: se non andiamo via il 31 ottobre, puoi aspettarti di vedere il successo del partito favorevole alla Brexit continuare anche nelle elezioni generali.”
Per ora Le Pen e Macron a parità di seggi – Risultati ufficiali arriveranno stamattina e così si capirà se davvero il partito della Le Pen e quello del presidente Macron hanno rimediato in Europa lo stesso numero di seggi, e cioè 23. Tuttavia, il partito nazionalista e anti-immigrazione di Marine Le Pen, Partito Nazionale, potrebbe ottenere un seggio in più quando la Gran Bretagna lascerà la e il Parlamento si riapproprierà dei suoi seggi. Di contro, il movimento del Presidente Emmanuel Macron resterebbe a 23 seggi. Secondo i risultati del ministero dell’interno. Il partito della Le Pen aveva complessivamente 5,3 milioni di voti, rispetto ai 5,1 milioni del partito di Macron. Il partito dei Verdi della Francia avrà 13 seggi dopo aver centrato un clamoroso terzo posto, seguito da otto posti per i repubblicani conservatori e sei seggi ciascuno per la Defiant France di estrema sinistra e il gruppo socialista.

RK Montanari
RK Montanarihttps://www.lavocedelpatriota.it
Viaggiatrice instancabile, appassionata di fantasy, innamorata della sua Italia.
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

18,273FansLike
4,191FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x