Ungheria, FdI: voto negativo su risoluzione non ha nulla a che fare con presunta vicinanza a modelli illiberali di cui si blatera a sinistra

“Il voto negativo di FdI, insieme a tutto il gruppo ECR, sulla risoluzione contro l’Ungheria approvata oggi al Parlamento europeo non ha nulla a che fare con la presunta vicinanza a modelli illiberali di cui spesso si blatera a sinistra. Magari dalle parti di quel Pd e di quel M5S laddove l’ambiguità sulla Russia di Putin è all’ordine del giorno, come avvenuto ieri a Strasburgo”. Così in una nota la delegazione di Fratelli d’Italia- Ecr al Parlamento europeo. “Pochi dicono che, dopo l’approvazione del meccanismo di condizionalità sullo stato di diritto connesso ai Pnrr nazionali, è iniziato un intenso dialogo che ha portato la Commissione Ue a concordare con il governo ungherese ben 17 riforme per mettere in sicurezza il sistema degli appalti pubblici dai rischi di corruzione e di scarsa trasparenza. Molte di queste riforme sono già state approvate e sono operative. Ciò nonostante, si vuole continuare ad utilizzare il principio sacrosanto dello stato di diritto per colpire un governo non allineato politicamente, incuranti dei passi avanti compiuti in questi mesi di intensa collaborazione. Questo accanimento rischia di far perdere di credibilità il principio stesso e gli strumenti messi in campo per farlo rispettare”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
11,292FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati