Ungheria, Orbán rimborsa tasse per 1,7 miliardi di euro alle famiglie.

Il rimborso delle tasse per le famiglie è solo l'ultima politica pro-famiglia che Orbán ha attuato negli ultimi anni, poiché il suo governo ha chiarito che sta cercando di aumentare il tasso di natalità del paese e prevenire il declino demografico.

Il governo del primo ministro ungherese Viktor Orbán si è impegnato a rimborsare alle famiglie le loro tasse sul reddito nel 2022, circa 1,7 miliardi di euro .

Il primo ministro magiaro ha annunciato la nuova misura all’apertura della sessione del parlamento ungherese all’inizio di questa settimana, dicendo che il denaro sarà inviato a 1,9 milioni di genitori in tutto il paese. I rimborsi non supereranno l’importo delle tasse pagate dal salariato medio.

Secondo Euractiv, il leader ungherese ha anche promesso di aumentare il salario minimo del paese da €465 al mese a €565. I pensionati di vecchiaia vedrebbero un aumento della quantità di denaro che ricevono.

Secondo il primo ministro Orbán, l’economia ungherese è destinata a crescere di circa il 5,5% quest’anno, ma ha affermato che il paese ha una carenza di manodopera.

Il rimborso delle tasse per le famiglie è solo l’ultima politica pro-famiglia che Orbán ha attuato negli ultimi anni, poiché il suo governo ha chiarito che sta cercando di aumentare il tasso di natalità del paese e prevenire il declino demografico.

Le politiche hanno incluso pagamenti in contanti di 10 milioni di fiorini (24.000 sterline/33.000 dollari) per le coppie che hanno un certo numero di figli, prima come un prestito da restituire, ma il prestito è perdonato dopo che la coppia ha almeno tre figli.

L’anno scorso, il governo ha anche offerto procedure gratuite di fecondazione in vitro (IVF) e nel 2019 ha dichiarato che le donne che hanno quattro figli saranno completamente esentate dall’imposta sul reddito.

Mercoledì, l’Ungheria ha visto il suo quarto vertice demografico di Budapest, che ha visto politici pro-famiglia e pro-vita di vari paesi, tra cui l’ex vicepresidente degli Stati Uniti Mike Pence, l’ex parlamentare francese Marion Maréchal-Le Pen e il presidente serbo Aleksandar Vučić.

Il presidente Vučić ha parlato dell’aspetto culturale dell’avere figli e che il mondo occidentale deve affrontare delle sfide per rendere più favorevoli le idee pro-famiglia.

“Oggi, è maleducato se parli di bambini, se parli dei tuoi figli, se parli dei valori della famiglia, perché puoi ferire qualcuno. Ma sei molto educato se parli di come farai un nuovo taglio di capelli al tuo animale domestico. Potete ridere di me. Non sto ridendo. Mi dispiace per questo fatto”, ha detto.

Le politiche pro-famiglia dell’Ungheria hanno dato risultati, secondo Katalin Novák, ministro ungherese della famiglia, che ha dichiarato l’anno scorso che il paese ha visto un aumento del 5,5% delle nascite nel 2019.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,179FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati