Unirai: solidarietà a Napolitano e giornalisti Dire

Un cronista condannato al carcere, giornalisti della Dire licenziati e altri a rischio. Ecco la vera minaccia alla libertà di informazione. Lo scrive in una nota il sindacato Unirai, liberi giornalisti Rai.

Esprimiamo sconcerto per la condanna a 8 mesi di reclusione (pena sospesa) per il collega del quotidiano Il Giornale, Pasquale Napolitano, reo di aver scritto un articolo ritenuto diffamatorio sul collegio degli avvocati di Nola e pubblicato in passato su un sito online. Il carcere per i giornalisti è un obbrobrio giuridico sul quale attendiamo che la categoria dei giornalisti prenda una posizione netta e in favore del collega del Giornale.

Esprimiamo poi solidarietà piena e incondizionata ai colleghi dell'agenzia di stampa Dire, alle prese con una mobilitazione per la salvaguardia dei posti di e dei propri diritti. Nei mesi scorsi l'editore (che gode di contributi pubblici) ha deciso dei tagli all'organico. Ora è intenzionato a proseguire su questa strada, mentre allo stesso tempo, contesta ai lavoratori di aver partecipato a delle assemblee di redazione oltre il limite orario. Ma quando i lavoratori protestano e si organizzano per difendere i propri diritti, non ci sono limiti che tengano, conclude Unirai.

0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x