Università, Rampelli (FdI): atenei ricattati dai violenti

“Quanto è accaduto alla Sapienza per mano di sedicenti iscritti che usano l'università come strumento di reclutamento ideologico è lontano anni luce dal desiderio di pace in Medio Oriente. L'uso della violenza e dell'intimidazione è figlio di quell'odio che ha dato i suoi frutti avvelenati il 7 ottobre. Studenti, professori e ricercatori che chiedono la sospensione degli accordi sulla ricerca tra le università italiane e quelle israeliane pretendono di decidere per conto del Governo e dell'autonomia dei singoli atenei generando uno stato di anarchia e di disordine culminando con il ferimento delle Forze di Polizia e con le minacce alla rettrice Polimeni. A entrambi la mia solidarietà e il mio sostegno. Non si può fermare la guerra facendo la guerra”.

È quanto dichiara il vicepresidente della dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d'Italia.

0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x