Viareggio Zona Rossa, Zucconi (FdI): servivano maggiori controlli prima

Il di Viareggio da domani sarà in zona rossa.
Condivido la scelta, direi ormai obbligata, di inasprire le restrizioni, considerando il notevole aumento della curva dei contagi e la crescente sofferenza delle strutture sanitarie. Vorrei però chiarire che a fronte di alcuni cittadini che non hanno avuto comportamenti responsabili e abbassato il livello di guardia, a fronte di pochissimi esercenti che non hanno rispettato le regole, a fronte di tutto questo la gestione di queste problematiche nel di Viareggio è stata assolutamente ondivaga e carente.
Vorrei infatti ricordare al sindaco Giorgio Del Ghingaro che solo pochi giorni fa, il 19 febbraio per l’esattezza, in un post di facebook minimizzava la gravità della situazione, quando invece in città tutti erano a già a conoscenza dell’esistenza di importanti focolai.
In quel momento il primo cittadino avrebbe dovuto correre subito ai ripari, intensificando i controlli nelle zone più a rischio, dove specialmente nelle ore notturne avvenivano assembramenti incontrollati.
Le leggi sanitarie ci sono e devono essere rispettate da tutti, altrimenti la negligenza di qualcuno finisce per colpire tutti, come ci dimostra l’annuncio di ieri.
A Viareggio, come del resto in tutta Italia, ci sono che non sanno più come andare avanti, ed esercenti rispettosi delle restrizioni che non lavorano da mesi, senza nemmeno lo spiraglio delle riaperture a Pasqua: decretare la zona rossa rappresenta dunque un danno enorme per tutti e l’unico modo per scongiurarla, oltre ad un maggiore senso di responsabilità di tutti, è che le istituzioni facciano la loro parte anche vigilando le situazioni più problematiche sul territorio e agendo urgentemente a seguito delle segnalazioni dei cittadini, cosa che invece non è stata fatta nelle settimane scorse a Viareggio. Mi auguro che la zona rossa nel solo di Viareggio possa aiutare nel contenimento dei contagi, ma rilevo che in tutti gli altri comuni della Versilia non si è dovuto arrivare a questo, lasciando intatta l’apertura di scuole e attività. Certo a monte di tutta questa situazione c’è la disastrosa gestione generale della pandemia da parte di Governi di incapaci, vedasi anche i piano-vaccinali, ma la vicenda Viareggina insegna che anche sui territori qualcosa si può e si deve fare.

Lo dichiara Riccardo Zucconi, Deputato Fratelli d’Italia

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

18,557FansLike
5,577FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x