“Vogliamo tutto”. Gay Pride per i bambini a Catania.

Un gay pride per i bambini, quello organizzato in questo fine settimana a Catania, nell’ambito delle iniziative del gay pride della città siciliana. Con questa idea di Vera Navarria, sono state organizzate letture “inclusive” dove due Drag Queen hanno letto per i bambini storie che trattavano di un’elefantina grigia, un circense sensibile e un piccolo uovo confuso.

Si tratterebbe – tra l’altro – di un ‘iniziativa importata da altri pride, come quelli di Palermo Milano, ma nuova a Catania. Fondata sulla lettura di tre libri: «Ho voluto selezionare testi con messaggi differenti», precisa Navarria, come riporta Il Meridio News «Piccolo uovo (Lo stampatello), che riguarda la varietà delle famiglie, da quelle “omogenitoriali” a quelle con genitori single; Rosaconfetto (Motta junior), che mira a superare il clichè della donna fragile, mentre Ettore, l’uomo straordinariamente forte (Settenove) quello del maschio che non piange. È importante spiegare ai bambini che la forza dell’uomo non sta nei muscoli ma nella sua sensibilità».

La nostra opinione

Non sarebbe meglio lasciar stare i bambini ed evitargli soprattutto i tentativi di indottrinamento? Perchè una manifestazione ormai obsoleta, incapace senza esagerazioni ed estreme volgarità, di far parlare di sè deve per forza ricorrere ai minori per provare a reinventarsi? Quanto è opportuno quello slogan sotto la locandina in un contesto del genere?

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
9,587FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati