Whirlpool: Rizzetto (FdI), la resa di Conte fa cadere nel baratro 420 lavoratori

“Non ci sono scuse per il governo che è arrivato debole e tardivo per trattare con la multinazionale. Non sono stati capaci di far rispettare gli impegni assunti da Whirlpool con il piano di reindustrializzazione approvato nel 2018. Il messaggio che passa in questo modo di gestire le crisi industriali e che in Italia se sei un’azienda virtuosa sei ostacolato in tutto, dall’oppressione fiscale alla burocrazia. Ma se sei una multinazionale americana che ha preso contributi dallo Stato, puoi decidere un giorno di venire meno a dei patti siglati e lasciare senza migliaia di lavoratori, tra azienda e indotto. Ieri Conte ha mostrato tutta la sua debolezza spingendosi in proposte oltre limite a Whirlpool, che la stessa ha respinto. Un governo forte e proteso verso l’obiettivo di tutelare i lavoratori di sarebbe opposto senza mezzi termini per portare a casa il risultato, come avvenuto in passato nella gestione di altre crisi aziendali dove è stata scongiurata la chiusura. La differenza è che a trattare dall’altra parte non c’era il governo Conte”.

È quanto dichiara il deputato di Fratelli d’Italia, Walter Rizzetto, capogruppo della commissione alla Camera.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,177FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati