Zucconi – Frigo (FdI): il caro bollette colpisce duramente parrucchieri e centri estetici

Il caro energia si sta abbattendo come uno tsunami su tutti i comparti economici e produttivi e i parrucchieri e i saloni di bellezza rientrano fra le categorie maggiormente vessate. Phon, luci, solarium: senza questi macchinari è impossibile lavorare. E se paradossalmente i saloni di bellezza più grandi erano favoriti nel periodo di pandemia, poiché potevano ospitare contemporaneamente più clienti, adesso si ritrovano ad essere i più penalizzati, a causa di un numero di personale maggiore e spese energetiche più alte: il locale deve essere tutto il giorno ben illuminato e gli asciugacapelli restano in funzione per più di otto ore al giorno, dall’apertura fino a chiusura, per non parlare delle strutture più grandi, che offrono anche servizi come sauna e bagno turco i quali devono rimanere necessariamente caldi tutto il giorno. A parlare l’onorevole Riccardo Zucconi e Annamaria Frigo, vice presidente provinciale CNA Estetica e da anni imprenditrice del settore.
I costi sono più che raddoppiati, luce e gas stanno raggiungendo prezzi mai visti e di conseguenza le bollette sono insostenibili. Qualcuno decide di ‘chiudere i rubinetti’ e limitare al massimo le spese per recuperare, ma spesso non è possibile: il tempo di un solarium o di una messa in piega ad esempio non può essere dimezzato a anche lavorare a luci basse risulta impossibile. Si propende allora – proseguono – per un ritocco del listino prezzi, con il rischio che taluni clienti, anche i più fidelizzati, decidano di recarsi altrove:
in fin dei conti anche a loro sono aumentati i costi domestici e le possibilità economiche destinate alla cura del corpo sono sempre minori. Spesso comunque anche l’aumento del costo dei trattamenti risulta vano: se una messa in piega ha un costo medio di 20/25 euro, al massimo può essere aumentata di uno o due euro e i rincari sono talmente elevati che tale aumento risulta inevitabilmente inefficace per coprire le spese. Molte imprese si troveranno ad un bivio: o taglieranno sui dipendenti o sulla qualità dell’offerta, anche perché da parte dello stato non c’è stato nessun aiuto in bolletta. Insomma, da qualsiasi angolatura si guardi, la situazione è a rischio e l’inverno si preannuncia pieno di insidie. Come forza politica di maggioranza, cercheremo in primis di fermare la speculazione sul prezzo del gas: il caro bollette è un tema di vitale importanza per la nostra nazione – concludono – motivo per cui come Fratelli d’Italia lavoreremo fin da subito per dare quanto prima una risposta concreta a tutela di imprese e famiglie.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
11,313FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati