Zucconi-Tofanelli (FdI): Governo penalizza il lavoro, Italia così non potrà riprendersi

L’Italia sta senza dubbio attraversando un periodo di estrema crisi, ma le politiche che sta attuando non incentivano e anzi penalizzano il lavoro.
Il primo punto che rappresenta sicuramente un freno per la ripartenza della nostra economia è dato dall’aumento considerevole del prezzo dei beni di consumo di generi alimentari e soprattutto dei materiali per l’edilizia, aumento sul quale andrebbe aperta una fase di controllo immediata. Il prezzo del ferro e del cemento sta aumentando in modo notevole, così come quello di molti altri materiali, che non vengono prodotti direttamente in Italia. Questo determina problemi nelle tempistiche ma anche carenze di magazzino, nonostante l’indice della produzione manifatturiera sia al momento positivo.
A questo problema, si aggiunge il fatto che molte aziende in vari settori stanno lamentando il fatto di non trovare personale, un fenomeno gravissimo che ci lascia stupiti considerando la crisi economica che molte famiglie stanno attraversando in questi ultimi mesi. Com’è possibile? Semplice: la politica italiana degli ultimi anni ha penalizzato il e le aziende. Con il Decreto Dignità del governo Conte1 ad esempio, è stato adottato un sistema di welfare sociale rappresentato dal reddito di cittadinanza, scoraggiando di fatto molte persone nella ricerca di un lavoro, in quanto fruitori appunto del reddito o di altre forme di assistenza introdotte poi dal Decreto Dignità. Ricordiamo poi che il reddito di cittadinanza, che costa allo stato 10 miliardi l’anno, è stato fonte di truffe, raggiri, ingiustizie e privilegi, e spesso in alcune zone ha determinato anche l’aumento del in nero.
Insomma, molti giovani oggi in Italia non cercano più lavoro, nè studiano, non gli stiamo dando una visione del futuro, né un progetto di vita e si adagiano sui vari ‘bonus’ elargiti dallo stato: di questo passo, perdiamo tutti la possibilità di avere un futuro, per noi e per i nostri figli.
A queste condizioni l’Italia non può ripartire, occorre riacquisire il concetto di merito, sacrificio e senza sperperare risorse lontano dalla filiera del lavoro.

Riccardo Zucconi, deputato Fratelli d’Italia e CarloAlberto Tofanelli, responsabile provinciale dipartimento  turismo

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
6,959FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x