Agenda ‘Woke’ – Il corso di latino di Cambridge rivisto per riflettere la ‘diversità’ del mondo romano

Un tentativo di "imboccare i giovani studenti con ideologie di sinistra sotto le spoglie dell'insegnamento della lingua".

Un famoso corso di latino pubblicato dalla Cambridge University Press verrà rielaborato per contenere una maggiore “diversità”, nonostante le critiche che lo danneggerebbero.

Stampato originariamente negli anni ’70, il Cambridge Latin Course (CLC), una serie di libri di testo di lingua latina estremamente noti e stampati dalla Cambridge University Press, sarà rivisto rispetto alla sua edizione originale per includere più riferimenti alla diversità etnica e di genere.

La mossa è stata criticata da uno studente dell’Università che in precedenza si era espresso contro l’assalto di Woke alle materie classiche in generale, con alcuni docenti della materia che sono stati addirittura etichettati come “suprematisti bianchi” a causa del loro interesse per il mondo antico.

Secondo un articolo del The Guardian, ai libri di testo tanto amati verranno aggiunti alcuni personaggi per rappresentare meglio la “diversità etnica” e di genere del mondo romano, mentre gli elementi ritenuti problematici verranno eliminati con l’aerografo.

Un docente di Cambridge ha dichiarato che le modifiche sono state apportate per coinvolgere gli studenti che, secondo quanto riferito, sono diventati “più consapevoli delle dinamiche di potere e della misoginia” per affrontare meglio il materiale.

Tuttavia, Dawn Treader – una studentessa specializzata in latino che in precedenza si è espressa pubblicamente contro la rielaborazione della materia – ha definito le modifiche ai testi di Cambridge come un tentativo di “imboccare i giovani studenti con ideologie di sinistra sotto le spoglie dell’insegnamento della lingua”.

Il CLC si vanta dei suoi tentativi di creare un libro di testo che rifletta meglio il mondo antico e la sua “diversità””, ha dichiarato Dawn Treader a Breitbart London.

“In realtà, però, non sono i libri di testo a essere rinnovati, ma è il mondo antico studiato nelle loro pagine a essere modificato, e in modo discutibile”, ha proseguito Treader, descrivendo il cambiamento come un tentativo di inseguire uno “sciocco Zeitgeist” che rischia di danneggiare la materia.

“Questo impegno del CLC riflette un movimento preoccupante nel mondo accademico: le sensibilità moderne vengono issate su contenuti antichi, dove non c’è posto per loro”, ha proseguito. “Se la scarpa non va bene, allora si deve tagliare il piede finché non va bene”.

Le imminenti modifiche ai libri di testo rappresentano solo il più recente tentativo della sinistra di cambiare il modo in cui vengono insegnati i classici, con precedenti tentativi tra cui una guida che spingeva gli insegnanti a usare materiale moderno per insegnare il latino piuttosto che testi antichi.

Pubblicata all’inizio di quest’anno, Teaching Latin: Contexts, Theories, Practices (Insegnare il latino: contesti, teorie, pratiche) sottolineava che gli insegnanti potevano coinvolgere i loro alunni utilizzando i testi delle canzoni di Taylor Swift o mostrando alle loro classi i di Minecraft, secondo quanto riferito, interamente girati in latino.

Nel frattempo, i docenti di almeno alcuni dipartimenti universitari sembrano dover affrontare un maggiore controllo morale da parte degli inquisitori progressisti: un accademico ha dichiarato di essere stato etichettato come “suprematista bianco” per il suo interesse per il mondo antico.

“Le persone che vogliono difendere la neutralità morale e l’indipendenza politica di guardare agli antichi greci e romani alle loro condizioni, ricevono lo slogan del giorno, che è quello di essere un suprematista bianco”, ha dichiarato al Times il dottor David Butterfield di Cambridge.

“La supremazia bianca è ora usata come termine per coloro che difendono il valore intellettuale dello studio della Grecia e di Roma in una disciplina geograficamente, tecnicamente e culturalmente separata. O chi crede nell’esistenza stessa del concetto di civiltà occidentale”, ha proseguito.

“Nei classici, il rapporto storico tra il passato classico e il presente moderno sta diventando moralmente vizioso”, ha proseguito Butterfield.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,972FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati