Alitalia, Rampelli (VpC-FdI): no stipendi al Cda se non si rivolve irregolarità pagamenti cassa integrazione lavoratori

Rampelli chiama un vertice apicale Alitalia chiedendo chiarezza e rassicurazioni sulla Cig agli ex dipendenti.

“Ci sono migliaia di lavoratori ex Alitalia a cui la cassa integrazione non arriva regolarmente e mai a fine mese. Queste persone hanno figli e a volte anche genitori da alimentare e mantenere. Che cosa devono fare? Devono chiedere l'elemosina per strada?”.
È quanto ha comunicato il vicepresidente della dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d'Italia nel corso di una conversazione con un manager apicale di Alitalia chiamato a seguito di molteplici messaggi di richieste di aiuto da parte di ex dipendenti Alitalia rimasti senza e privi di regolarità di fruizione della cassa integrazione.

“Se fosse accaduto soltanto una volta – ha proseguito Rampelli – neppure avrei chiamato. Ma ormai si tratta di una consuetudine irrispettosa dei diritti primari di lavoratori già colpiti dalla Cigs che non ricevono da mesi lo stipendio da un'azienda pubblica. Oggi sono stato avvisato che davanti al Mef dipendenti di Alitalia stanno nuovamente protestando. Sono persone perbene costrette a battersi per avere riconosciuto un diritto elementare.
Il MEF blocchi a questo punto il trasferimento di denaro verso Alitalia con il quale si pagano profumate indennità agli amministratori straordinari e al management”.
“Se non prendono soldi i lavoratori cassa integrati- ha concluso Rampelli – nessuno deve prendere i soldi, ora basta con questa sciatteria e vengano sostituiti gli amministratori, se non sono capaci a far arrivare gli stipendi figurarsi come sanno fare il resto”.

0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x