Amorese (FdI): “Ue eviti talebani dell’architettura”

«Quando nel marzo 2001 in Afghanistan i talebani distrussero le gigantesche statue dei Buddha di Bamiyan tutto il mondo occidentale restò fortemente sorpreso e manifestò il suo sconcerto. I due Buddha erano “patrimonio dissonante” rispetto al regime integralista islamico dei talebani che venne fermamente condannato e fu oggetto di riprovazione da parte di tutti gli appassionati di arte, di storia e di . Oggi quelle assurde posizioni integraliste sono state fatte proprie dai profeti della “cancel culture” che dall'America sono arrivati anche in , per fare proseliti, cominciando ad occuparsi di architettura. Bisogna dire forte No alla “cancel culture” e a “strani” progetti dell'Unione Europea per l'architettura italiana della prima metà del Novecento.

L'architettura razionalista fa pienamente parte della storia dell'architettura e del patrimonio artistico italiano e può ottenere dall'Unesco il riconoscimento di patrimonio dell'umanità. L'Ue si occupi di incentivare l'edilizia popolare anziché di sprecare soldi sul “patrimonio dissonante” che riguarda anche Germania, Spagna, Portogallo, Grecia, Polonia, Bulgaria e Albania. Edilizia popolare pensata magari con lo spirito di quartieri come la Garbatella e non di alcune “brutture” realizzate nel Nord Europa o l'edilizia brutalista del secondo dopoguerra di cui sono pieni i quartieri italiani per non parlare di Corviale, Scampia e altri scempi delle periferie». Lo afferma l'on. Alessandro Amorese, capogruppo di Fratelli d'Italia in Commissione Cultura, in merito al progetto Urbact IV e al primo meeting europeo sul patrimonio dissonante in programma a Cesena il 30 novembre e il 1 dicembre.

«”Patrimonio dissonante” sembrano le parole d'ordine di “talebani dell'architettura” che non hanno alcun senso della realtà. Dovrebbero definire “dissonante” anche la sede della Cgil in Corso d'Italia solo per citare un illustre esempio oppure il Ministero dell'Industria, nonché tanti tribunali, ospedali, università, oltre all'Eur, il Foro Italico, il Colosseo Quadrato, persino via della Conciliazione per non parlare di Latina, Sabaudia e le altre città di fondazione, ecc. Non sono state considerate “patrimonio dissonante” nemmeno 70-80 anni fa quindi tantomeno oggi. L'Europa ha mille problemi da affrontare. Tutto ciò –conclude Amorese- sembra davvero ridicolo e deve preoccupare tutti quanti hanno a cuore l'arte e la cultura».

0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x