Autistica, autorizzata dagli assistenti sociali a fare sesso con chiunque

Siamo ormai immersi fino agli occhi nella “Cultura del piagnisteo” come teorizzata da Robert Hughes nel suo famoso libro, e viviamo una saga del “politicamente corretto” che giorno dopo giorno mette in discussione le certezze, i modi di fare, le tradizioni di migliaia di anni. La storia che arriva dall’Inghilterra e che vi stiamo per raccontare, è solo una delle tante che dimostrano come ormai sia difficile controllare le tante derive di dottrine moderniste di dubbio valore.

A Manchester c’è una giovane donna di 23 anni con gravi difficoltà di apprendimento, un QI di 52 e che è affetta da autismo. La ragazza – di cui ovviamente non possiamo fare il nome – è stata vittima di una infanzia particolarmente travagliata. Già a nove anni era stata segnalata per essersi allontanata da casa almeno 5 volte. All’interno della famiglia, poi, veniva appurato che la ragazzina era stata sottoposta a pratiche sessuali, comprese violenze e stupri, con uomini, nella maggior parte dei casi di origine asiatica.

Allontanata dal nucleo familiare, e seguita in istituto, la ragazza aveva sviluppato una forma di autismo con l’aggiunta di un interesse ossessivo per gli uomini, in particolare uomini di diversa provenienza etnica o culturale. Dopo il compimento del 18° compleanno, la ragazza era stata affidata alla Court of Protection,  una speciale Corte inglese con giurisdizione sulle proprietà, gli affari finanziari e il benessere delle persone che non hanno la capacità mentale di decidere autonomamente per sé. Ed è proprio uno dei giudici della Court of Protection a prendere una prima decisione circa il futuro della giovane. Viene stabilito che la ragazza è in grado di acconsentire ad una pratica sessuale, ma non ha la capacità “di prendere decisioni sui suoi contatti con gli uomini”. Perciò si può dedurre da questo pronunciamento che la poverina sarebbe stata a rischio significativo di lesioni sessuali se le fosse stato concesso l’accesso alla “comunità nazionale” senza una supervisione costante. Così,  viene assunta una società specializzata, Engage Support, affinché la giovane donna venga costantemente controllata  h24 da due operatori sanitari.

In realtà, sembra proprio che chi dovrebbe controllarla, sulla scorta di una stramba teoria l’autorizzi, se non addirittura la incoraggi, ad avere incontri sessuali con quanti più uomini possibile perché si ritiene che incontri ad alto rischio con estranei possano permettere alla povera ragazza di “imparare dai suoi errori”. Questa sì una vera follia.

Sta di fatto che la poveretta a quel punto abbia cominciato ad inviare sue foto nuda anche a uomini appena conosciuti, coinvolgendosi in rapporti sessualmente sempre più rischiosi. Infine, quando i comportamenti della ragazza sono diventati sempre meno controllabili, al punto che la giovane è stata vista anche fare sesso in pubblico, è nata una diatriba tra la società di supporto Engage e il consiglio comunale di Manchester che ne pagava le prestazioni.  Il consiglio ha messo in discussione il contratto sebbene uno psicologo utilizzato da Engage abbia sostenuto che offrire alla ragazza la possibilità di avere “contatti con uomini senza una supervisione” fosse nel suo migliore interesse. In ogni caso, eventualmente, poteva essere istituita una rete di sicurezza telefonica che avrebbe potuto contattare i futuri accompagnatori della ragazza per sapere gli sviluppi dei vari rapporti.

Per fortuna, il consiglio di Manchester ha detto no. Ma purtroppo, a giugno scorso, il giudice Jonathan Butler ha dato a Engage il permesso di lasciare la donna sola in casa affinché potesse avere rapporti sessuali con chi preferiva ma solo nelle ore diurne. Questo per evitare che cercasse sesso in pubblico come aveva promesso al giudice stesso. Il risultato è stato che nelle settimane successive, la ragazza ha avuto rapporti in camera da letto con almeno sei uomini diversi pur continuando a cercare sesso in pubblico. Solo in una notte, a luglio, è uscita di casa e ha fatto sesso con 3 sconosciuti prima che la polizia la rintracciasse e la riconducesse a casa.

Alla fine, dopo altre peripezie che a questo punto vi risparmiamo, Engage Support ha dichiarato che non permetterà più visite maschili alla ragazza ma nel frattempo la città di Manchester ha praticamente chiuso il contratto con la società rivolgendosi ad altro fornitore di servizi.

E ora si parla di denaro, quello che Engage Support vorrebbe dalla città e quello che Manchester non vuole pagare. Così sono finiti tutti davanti all’Alta Corte ognuno con le proprie ragione, alcune delle quali, davvero discutibili, queste ultime tutte dettate dal politicamente corretto…

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

17,818FansLike
3,688FollowersFollow

Leggi anche

Gli assassini di Willy prendono il Reddito di Cittadinanza

Picchiatori, nullafacenti e con il reddito di cittadinanza. Questo il nuovo quadro che emerge in queste ore a proposito dei quattro di Artena arrestati...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Gli assassini di Willy prendono il Reddito di Cittadinanza

Picchiatori, nullafacenti e con il reddito di cittadinanza. Questo il nuovo quadro che emerge in queste ore a proposito dei quattro di Artena arrestati...

Gli assassini di Colleferro col SUV, ma il padre prende il Reddito di Cittadinanza

La storia di Willy Duarte è la storia di grandi e terribili vuoti, su tutti giganteggia il vuoto che lascia, ma sullo sfondo si...

Willy, il gestore del pub: “c’entrano le Istituzioni, c’entrano i genitori, c’entra la scuola, la storia è sempre la stessa”.

Il proprietario di un Pub di Velletri pubblica un lungo sfogo su Facebook in un cui racconta un episodio avvenuto nel suo locale con...

Orrore comunista senza fine. Scoperta nuova foiba in Slovenia.

Per decenni la drammatica storia degli Italiani dell’Istria e della Dalmazia è stata nascosta agli occhi del mondo. I giuliano-dalmati furono addirittura accolti in Patria...