Banche, il Governo Meloni fissa un tetto agli stipendi dei manager degli Istituti salvati dallo Stato.

Arriva un tetto agli stipendi dei manager delle salvate attraverso l'intervento dello Stato. E' quanto prevede un emendamento dei relatori alla manovra, approvato stanotte in commissione Bilancio della .

E così a decorrere dal 2023 gli stipendi dei vertici non potranno superare il trattamento economico del primo presidente della Corte di cassazione, che è stabilito nella cifra lorda di circa 240mila euro (pari a 18.461 euro per tredici mensilità).

Un'altra risposta immediata che concretizza la visione del presidente Giorgia che anche in campagna elettorale aveva sempre dichiarato che fosse “giusto tutelare il sistema del credito, ma quando lo Stato interviene a salvare imprese con i soldi degli italiani, occorre stabilire quali debbano essere le regole d'ingaggio, fissando un tetto agli stipendi dei manager”.

Perché se una banca è tanto in difficoltà da necessitare di un intervento dello Stato per non fallire i suoi manager possono continuare a guadagnare illimitatamente? Adesso dunque con un emendamento alla Manovra di bilancio, è stato fissato un tetto massimo a quanto possono percepire queste figure. Un tetto che resta elevato, ma che quanto meno per la prima volta limita il guadagno di chi dirige banche dichiaratamente in difficoltà.

Letizia Giorgianni
Letizia Giorgianni
O te ne stai in un angolo a compiangerti per quello che ti accade o ti rimbocchi le maniche, con la convinzione che il destino non sia scritto. Per il resto faccio cose, vedo gente e combatto contro ingiustizie e banche. Se vuoi segnalarmi qualcosa scrivimi a info@letiziagiorgianni.it

14 Commenti

0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

14 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

14
0
Would love your thoughts, please comment.x