Bibbiano: era tutto vero

Lo psicoterapeuta Claudio Foti “non solo non ha mai mostrato segni di resipiscenza, ma ha costantemente tenuto un comportamento processuale ampiamente censurabile”.

Lo scrive il gup Dario De Luca – secondo quanto riferisce ANSA – motivando la mancata concessione delle attenuanti generiche all’imputato, condannato a quattro anni nell’inchiesta ‘Angeli e Demoni’ sugli affidi illeciti in Val d’Enza, per abuso d’ufficio e lesioni dolose gravi.

Il giudice punta il dito contro il tentativo dell’imputato di ingannarlo producendo il di una seduta di psicoterapia “verosimilmente di novembre 2016, spacciandola per una di aprile 2016”.

La finta datazione sarebbe servita ad avvalorare, “con tale deprecabile espediente” la tesi difensiva secondo cui una minorenne “autonomamente e a prescindere dall’intervento dello psicoterapeuta gia’ vedeva il padre come una figura abusante”.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

1 commento

  1. Hanno distrutto intere famiglie con l’inganno e la falsità Debbono essere radiati da qualsiasi albo professionale e debbono andare dritti in galera.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,829FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati