Capannori (Lu) – Quanto vale la parola data dal ? E soprattutto, vale per tutti o solo per chi è d’accordo con le sue idee?

Dopo l’ennesima promessa non mantenuta, sono queste le domande che viene da porsi. Aspettavamo infatti, entro la fine di agosto, la convocazione del consiglio comunale sul tanto discusso accordo tra Capannori e Livorno per lo smaltimento dei rifiuti organici. La aspettavamo perchè, su nostra sollecitazione, questa fu la promessa del . Promessa che non è stata mantenuta e che vanifica così il tentativo di trovare un punto d’incontro e di avviare una discussione politica seria e costruttiva.

Ricordiamo infatti che, durante gli scorsi consigli comunali, è successo di tutto. Dapprima il capogruppo del , noncurante delle regole di base, ci impedì di fare la nostra comunicazione riguardante proprio l’accordo raggiunto con la città labronica. Successivamente nel consiglio successivo la discussione fu finalmente permessa, sempre nei limiti dell’ora di comunicazioni, con la promessa dunque di convocare un consiglio “monotematico” sul tema a fine agosto, termine entro il quale l’accordo sarebbe stato vicino all’entrata in vigore.

Abbiamo atteso una telefonata. Abbiamo atteso, invano, la convocazione del Consiglio Comunale. Purtroppo, però, ancora una volta il Menesini decide di non dare seguito alle belle intenzioni e evita il confronto con le opposizioni e con chi segue con interesse l’evolversi della situazione.

Rinnoviamo l’appello e l’invito al , tante volte lo avesse dimenticato: siamo tutti ancora in attesa della convocazione. Mantenga quanto promesso.
lo scrive in una nota Matteo Petrini, consigliere comunale Capannori