. Calandrini (FdI): riaprire tutto subito in sicurezza. No aperture ristoranti al chiuso il 1 giugno

“Il calendario delle aperture diffuso dal governo è un palliativo ad una situazione ogni giorno più drammatica. Interi settori rimangono in difficoltà, come la ristorazione. Rimandare al 1° giugno l’apertura dei ristoranti al chiuso, non tiene conto non solo di tutte quelle attività che non hanno spazio all’aperto, ma anche di quei comuni, in particolare quelli montani, dove il resta freddo fino all’estate, pertanto stare all’aperto semplicemente non è possibile. Senza poter utilizzare le sale interne, difficilmente i locali di quelle zone potranno contare sulla presenza di clienti. Il governo deve assumersi la politica di consentire le riaperture dei ristoranti anche al chiuso, dietro il rispetto di rigidi protocolli che garantiscano distanze sociali e tutte le misure di sicurezza necessarie per garantire il contenimento del contagio da -19. Le attività che possono rispettare questi protocolli devono poter ripartire alla svelta, non a giugno. Come Fratelli d’Italia porteremo presto questa battaglia in . Restrizioni senza senso non possono essere più tollerate per il bene di settori e comuni le cui attività economiche sono in ginocchio”.

Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia Nicola Calandrini.

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
6,168FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x