Covid, Zaffini (FdI): approvati emendamenti a mia prima firma, via ultimi brandelli di green pass

“Oggi l’aula di Palazzo Madama ha approvato emendamenti con i quali si interviene sulle misure di contrasto alla diffusione del virus Sars-Cov-2, aggiungendo due articoli al decreto-legge in conversione. Si tratta di provvedimenti mantengono gli impegni assunti in campagna elettorale e che finalmente ci fanno uscire del tutto dal regime di restrizioni e che ripristinano dunque nuova libertà ai cittadini. Ringrazio il governo per il parere favorevole espresso a questi emendamenti che confermano il cambio di passo deciso dall’inizio da questo governo e dal ministro Schillaci”.

Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia Franco Zaffini, presidente della commissione di Palazzo Madama.

“In particolare, l’articolo 7 bis – osserva Zaffini – incide sulle residue disposizioni che prescrivono l’impiego della certificazione verde Covid-19 per l’accesso dei visitatori a strutture residenziali, socio-assistenziali, sociosanitarie e hospice nonché ai reparti di degenza delle strutture ospedaliere. L’emendamento abroga, a decorrere dall’entrata in vigore della legge di conversione del decreto, le disposizioni di cui ai commi 1-bis e seguenti che consentono l’accesso alle predette strutture ai soli soggetti muniti di una certificazione verde COVID-19, rilasciata a seguito della somministrazione della dose di richiamo successiva al ciclo vaccinale primario, ovvero a seguito del completamento del ciclo vaccinale primario o dell’avvenuta guarigione unitamente ad una certificazione che attesti l’esito negativo del test antigenico rapido o molecolare, eseguito nelle quarantotto ore precedenti l’accesso”.

“Un altro emendamento – sottolinea Zaffini – abroga le disposizioni che consentono agli accompagnatori di permanere nelle sale di attesa dei dipartimenti d’emergenza nelle sale d’attesa dei reparti di pronto soccorso solo se muniti di green pass. Viene cioè meno l’obbligo di sottoporsi al test antigenico rapido o molecolare per l’accesso alle prestazioni di pronto soccorso. Con l’abrogazione della predetta norma viene meno anche l’obbligo del green pass anche per l’accesso ai reparti di degenza. L’emendamento, inoltre, abroga la disposizione che prevede il green pass per le uscite temporanee delle persone ospitate presso strutture di ospitalità e lungodegenza, residenze sanitarie assistite, hospice, strutture riabilitative e strutture residenziali per anziani, autosufficienti e no, strutture residenziali socioassistenziali”.

“Un ulteriore emendamento – conclude Zaffini – riduce a 5 giorni il periodo di autosorveglianza per i contatti stretti di soggetti risultati positivi al virus Sars-Cov-2, prevedendo, quale misura precauzionale, solo l’obbligo di indossare dispositivi di protezione individuale di tipo FFP2 per il suddetto periodo. Con riferimento al regime dell’isolamento dei soggetti risultati positivi al SARS-CoV-2, la norma abroga la disposizione che subordina la fine dell’isolamento all’esecuzione di un test antigenico o molecolare con esito negativo e rinvia ad una successiva circolare del Ministro della Salute la definizione delle specifiche modalità che determinano la cessazione della misura dell’isolamento”. Avanti così: serietà e coerenza seppur senza “abbassare la guardia”.

1 commento

  1. Bravissimo, era ora ! Finalmente si comincia a rendere di nuovo UMANO l’ambiente ospedaliero, il pronto soccorso e gli ospizi. Inoltre si inizia a spendere forse per le vere utili prestazioni sanitarie invece che per test e iniezioni. CURARE SUL SERIO è sempre stato il mio motto da dottoressa, prevenire con gli stili di vita. Ma un medico deve sapere curare, sennò che medico è se non cura?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Discussioni

12,074FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati