Democrazia. Grillo: gli eletti siano estratti a sorte. In Estonia, Lituania, si fa tutto attraverso il voto elettronico.

 "Non credo più assolutamente nella rappresentanza parlamentare ma credo nella democrazia diretta attraverso il referendum".

“Alle elezioni ormai ci va meno del 50 per cento, e’ una democrazia zoppicante. Si cominciano a prospettare scenari come l’estrazione a sorte, perche’ no? Perche’ non posso selezionare una persona con certe caratteristiche?”.

Parole e musica del cofondatore e Garante M5s, Beppe Grillo, che intervenendo al ciclo di dialoghi pubblici promossi dal presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, dal titolo ‘Idee per un nuovo mondo’ ha ribadito un concetto già espresso in passato.

“Se una persona in una giuria popolare puo’ dare un ergastolo – ha aggiunto – puo’ anche occuparsi, a tempo determinato, del suo Comune o Paese”.

Democrazia diretta come in Estonia e Lituania

“La democrazia diretta è l’evoluzione della democrazia. Possiamo portare tutto sul digitale”.  Ha detto ancora Grillo che ha spiegato come al referendum sul taglio dei parlamentari “sono andato a votare ancora con la matita copiativa, dietro una cabina, sono cose che non concepisco. In Estonia, Lituania, si fa tutto attraverso il voto elettronico. Possiamo determinare qualsiasi cosa stando seduti da casa”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,186FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati