Di parte, ma non di partito

  1. S

    iamo schierati, diciamolo subito, ma non di parte o, meglio, di partito. Introduciamo la nascita de “La Voce del Patriota” mutuando un’espressione resa famosa da un editoriale del “Roma” pubblicato quando, negli anni ’90, già storico giornale della destra del Mezzogiorno, divenne il megafono di quell’idea dell’andare oltre il Polo (di centrodestra), per rappresentare l’area vasta di tutti coloro che non si riconoscevano nelle sinistre.

Un giornale come strumento al servizio di un progetto politico, dunque. Così anche noi proveremo ad andare oltre i partiti e le sigle, per donare corpo e vita a un’idea: dare all’Italia un governo di patrioti, che sia duraturo e capace di riportare prosperità e benessere alla nostra Nazione. Questo non vorrà dire, tuttavia, perdersi in astratte riflessioni, infiniti approfondimenti disancorati dalla realtà, morbosa ricerca di quello che non c’è e che forse mai ci sarà. Non saremo un bollettino di partito, ma non potremo prescindere dal raccontare le donne, gli uomini e le loro azioni politiche, se essi incarneranno in toto o in parte la nostra linea editoriale.

Le elezioni politiche del 4 marzo 2018 hanno restituito un risultato non sufficiente alla formazione di una solida maggioranza di governo. La coalizione di centrodestra, pur arrivando prima, non ha ricevuto dal Presidente Mattarella il mandato, mentre si è assistito per settimane a un balletto infinito; protagonista la politica doppiofornista del Movimento 5 Stelle, con la complicità istituzionale del Capo dello Stato.

Mattarella, pensando di vincere su Di Maio per sfinimento, ha tentato la carta del governo neutrale, denominazione creativa per mascherare la volontà di propinarci l’ennesimo governo tecnico non indicato dagli italiani, asservito alla finanza e alla tecnocrazia di Bruxelles. La sorpresa, che scongiura per ora una nuova stagione alla Mario Monti, è  il tentativo, che si concretizzerà o svanirà in queste ore, della formazione di un esecutivo Giallo-Verde, con Di Maio e in un unico pollaio. Staremo a vedere, ma il lacunoso “contratto di governo” che i due hanno firmato rischia di risolversi in un bluff; se va meglio, sarà semplicemente irrealizzabile.

A rischiare grosso, ancora una volta, è il nostro Paese, ma noi saremo in prima linea per contribuire a difendere gli interessi nazionali. Sosteneteci, leggeteci, diffondeteci.

Ci troverete sempre dalla stessa parte, quella dell’Italia e degli Italiani.

Ulderico de Laurentiis
Ulderico de Laurentiishttp://www.uldericodelaurentiis.it
Direttore Responsabile de "La Voce del Patriota". Giornalista Pubblicista, laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa con un Master in Comunicazione Multimediale. Militante della destra politica fin da giovanissimo, appassionato di Cybercultura, osservatore curioso dell'Alt-right americana, cultore di Enogastronomia. "Per aspera ad astra"

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

17,820FansLike
3,686FollowersFollow

Leggi anche

Il 20 e 21 settembre il Governo rosso-giallo farà i conti con il Popolo

L'incrocio politico del 21 settembre per il governo Conte presenta all’orizzonte un semaforo giallo pronto a sbarrargli la strada – tutt’altro che fatalmente –...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Il 20 e 21 settembre il Governo rosso-giallo farà i conti con il Popolo

L'incrocio politico del 21 settembre per il governo Conte presenta all’orizzonte un semaforo giallo pronto a sbarrargli la strada – tutt’altro che fatalmente –...

Meloni: “Aggressori di Willy senza alcuna cultura”. E Fedez s’incazza.

L’uscita di Chiara Ferragni che metteva in correlazione la “cultura fascista” con il massacro di Colleferro aveva ringalluzzito molte anime smarrite del mondo antifà,...

Massacro di Colleferro: cara sinistra, parlaci della “cultura” di Gomorra.

La lettera che ho scritto a Chiara Ferragni deve avere un po’ scombussolato taluni personaggi della sinistra italiana, convinti di aver finalmente trovato nella...

Cara Chiara, siamo sicuri che il problema sia la “cultura fascista”?

Cara Chiara, anche io come te e come tutta l'Italia sono rimasto sconvolto dai fatti di Colleferro, e anche io come te e come tutta...