Difendiamo chi ci difende. A sostegno delle Forze dell’Ordine

Pene più severe per chi aggredisce le Forze dell’Ordine e abolizione del reato di tortura, che umilia il dei nostri uomini e donne in divisa: è il contenuto di due proposte di legge depositate da Fratelli d’Italia e presentate oggi in conferenza stampa dal presidente Giorgia e dal deputato Edmondo Cirielli.
L’iniziativa legislativa nasce dall’esigenza, come ha sottolineato il leader di FdI, di “difendere chi ci difende” alla luce dell’escalation di aggressioni e violente nei confronti di chi in Italia indossa una divisa. Secondo alcuni dati diffusi dalle sigle sindacali, infatti, solo nel 2017 ci sono stati ben 2700 aggressioni durante i controlli delle forze di polizia su strada, il 21% in più rispetto al 2016: un referto ogni 3 ore. Tanti i casi eclatanti che hanno riempito le pagine dei giornali: dal pestaggio di un carabiniere durante una manifestazione a Piacenza alle bombe ripiene di metallo lanciate contro i poliziotti a Torino, fino alle aggressioni quasi quotidiane ai danni degli agenti di Polizia penitenziaria negli istituti di pena da parte dei detenuti, spesso stranieri.

«Vogliamo difendere chi ci difende. Per questo – ha spiegato Giorgia Meloni – Fratelli d’Italia ha presentato due proposte di legge, una per aumentare le pene per chi aggredisce un pubblico ufficiale e una per abolire il reato di tortura così come configurato dalla sinistra, che è solo un deterrente per le Forze dell’Ordine per fare il loro mestiere. Noi siamo sempre al fianco degli uomini e delle donne in divisa». Con l’introduzione del reato di tortura, ha aggiunto Meloni, «gli agenti sono stati mortificati» e non sono stati messi in condizione di svolgere il loro perché basta un «insulto per rischiare pene fino a 12 anni». punta dunque a trasformare il reato in una «circostanza aggravante», perché così come è previsto «è sproporzionato». Secondo Edmondo Cirielli ad aver bisogno di essere difese sono le Forze dell’Ordine: «è un’autentica emergenza, con le aggressioni che sono aumentate del 300% per arrivare ad un totale superiore alle 6000 aggressioni all’anno. Tutelare le Forze dell’ordine è un dovere morale».
Oggi il codice penale prevede che il reato di “violenza o minaccia a un pubblico ufficiale” e il reato di “resistenza a un pubblico ufficiale” sono puniti con la reclusione da 6 mesi a 5 anni. Un reato però che, in virtù degli svuota-carceri e dei provvedimenti approvati in questi ultimi anni dalla sinistra che hanno incentivato le misure alternative al carcere per i reati punibili fino a 4 anni di reclusione, rimane nella quasi totalità dei casi non solo impunito ma nemmeno perseguito. La soluzione a questo problema, secondo FdI, è alzare la pena prevista dal codice penale sia per il reato di violenza o minaccia sia per il reato di resistenza a pubblico ufficiale da un minimo di 4 anni ad un massimo di 10 anni. E introdurre, inoltre, per entrambe le fattispecie di reato, una ipotesi aggravata se il reato è commesso con delle armi. Sul reato di tortura invece l’obiettivo di è abolire l’attuale formulazione introdotta con la legge 110/2017, che di fatto lega le mani alle Forze dell’Ordine e le espone a denunce e processi, e prevedere una nuova aggravante che ricalca esattamente quello che viene previsto dalla Convenzione contro la tortura ed altre pene o trattamenti crudeli, inumane e degradate dell’ONU. Questa modifica normativa permetterebbe di punire la tortura senza però le distorsioni e le sproporzioni previste dall’attuale formulazione del reato.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,820FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati