Diritti umani: il rapporto che fa vergognare la Cina.

La Cina è responsabile di "gravi violazioni dei diritti umani" nella provincia dello Xinjiang: rapporto ONU sui diritti umani

Un rapporto a lungo atteso dell’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani (OHCHR) su quella che la Cina chiama Regione autonoma uigura dello Xinjiang (XUAR) ha concluso che sono state commesse “gravi violazioni dei diritti umani” contro gli uiguri e “altre comunità prevalentemente musulmane”.

Revisione rigorosa
L’Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti ha dichiarato che il rapporto di mercoledì si è “basato su una rigorosa revisione del materiale documentale attualmente a disposizione dell’Ufficio, la cui credibilità è stata valutata secondo la metodologia standard dei diritti umani”.

“Particolare attenzione è stata data alle leggi, alle politiche, ai dati e alle dichiarazioni del governo. L’Ufficio ha inoltre richiesto informazioni e ha avviato un dialogo e scambi tecnici con la Cina durante tutto il processo”.

Pubblicato l’ultimo giorno del mandato quadriennale di Bachelet, il rapporto afferma che le violazioni sono avvenute nel contesto dell’affermazione del governo cinese di voler colpire i terroristi della minoranza uigura con una strategia anti-estremismo che prevede l’uso dei cosiddetti Centri di e formazione professionale (VETC), o campi di rieducazione.

Modelli interconnessi
L’OHCHR ha affermato che la politica del governo negli ultimi anni nello Xinjiang ha “portato a modelli interconnessi di restrizioni gravi e indebite su un’ampia gamma di diritti umani”.

Anche se il sistema VETC, come afferma la Cina, “è stato ridotto nella sua portata o chiuso”, secondo l’OHCHR, “le leggi e le politiche che lo sostengono rimangono in vigore”, portando a un maggiore ricorso alla detenzione.

I sistemi di detenzione arbitraria e i relativi modelli di abuso dal 2017, secondo l’OHCHR, “si inseriscono in un contesto di più ampia discriminazione” contro gli uiguri e altre minoranze.

Violazioni del diritto internazionale
“Ciò ha incluso restrizioni di vasta portata, arbitrarie e discriminatorie sui diritti umani e sulle libertà fondamentali, in violazione delle leggi e degli standard internazionali”, comprese le restrizioni alla libertà religiosa e ai diritti alla privacy e al movimento.

Inoltre, il rapporto afferma che le politiche del governo cinese nella regione hanno “superato i confini”, separando le famiglie, “interrompendo” i contatti e producendo “modelli di intimidazioni e minacce” contro la più ampia diaspora uigura che ha parlato delle condizioni in patria.

L’OHCHR ha affermato che il governo cinese “ha il dovere primario di assicurare che tutte le leggi e le politiche siano conformi al diritto internazionale dei diritti umani e di indagare prontamente su qualsiasi accusa di violazione dei diritti umani, di assicurare la responsabilità dei colpevoli e di fornire riparazione alle vittime”.

Raccomandazioni del rapporto
Tra le raccomandazioni che l’ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani formula nel rapporto, c’è quella che il governo prenda “provvedimenti tempestivi” per rilasciare tutte le persone arbitrariamente imprigionate nelle XUAR, sia nei campi che in qualsiasi altro centro di detenzione.

Secondo il rapporto, la Cina dovrebbe far sapere alle famiglie dove si trovano gli individui che sono stati detenuti, fornendo le posizioni esatte, e aiutare a stabilire “canali di comunicazione sicuri” e permettere alle famiglie di riunirsi.

Il rapporto invita la Cina a intraprendere una revisione legale completa delle sue politiche di sicurezza nazionale e antiterrorismo nelle XUAR, “per assicurare la loro piena conformità con il diritto internazionale vincolante in materia di diritti umani” e ad abrogare tutte le leggi che non rispettano gli standard internazionali.

Chiede inoltre una rapida indagine del governo sulle accuse di violazione dei diritti umani nei campi e nelle altre strutture di detenzione, “comprese le accuse di torture, violenze sessuali, maltrattamenti, trattamenti medici forzati, così come il forzato e le segnalazioni di morti in custodia”.

Leggi il report

FonteUN NEWS
Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
9,654FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati