“Dobbiamo fare come la sinistra, lottare per i cuori e le menti delle giovani generazioni”: intervista a Stephen Bartulica.

Pubblichiamo l'intervista, tradotta in italiano, a Stephen Nikola Bartulica a cura di Álvaro Peñas per The European Conservative.

Stephen Nikola Bartulica è deputato al Parlamento croato per il Movimento della Patria (Domovinski Pokret) e professore associato di filosofia presso l'Università Cattolica di Croazia a Zagabria. Ha ricoperto incarichi ai più alti livelli di governo, da ultimo come consulente senior di politica estera del primo ministro Tihomir Orešković nel 2016. È fondatore e presidente del Centro per il rinnovamento della , una croata che si propone di educare i giovani professionisti all'etica delle virtù e alla leadership.

La Croazia è governata da un partito che fa parte del Partito Popolare Europeo, la questione è se si tratta di un partito del PPE occidentale o orientale. Nell'Europa occidentale il PPE è molto progressista, mentre nell'Europa orientale ci sono ancora partiti PPE conservatori, come quello di Janez Jansa in Slovenia. A quale classe appartiene il governo croato?

Gli elettori di questo partito provengono dal PPE orientale, ma la leadership è completamente occidentale. Si tratta di un paradosso, perché gli elettori vogliono un governo conservatore, ma ottengono politiche sempre più progressiste. Descriverei il Primo Ministro Andrej Plenković come un moderato che allo stesso tempo è un entusiasta delle politiche di Bruxelles. Ha dedicato gran parte della sua carriera all'adesione della Croazia all'UE, è un sostenitore delle politiche della Commissione europea e molto vicino a Ursula con der Leyen. Gli piace il modello tedesco e sappiamo che Angela Merkel ha portato il PPE verso il “centro”. In questo momento governa grazie all'appoggio della minoranza serba, che rappresenta un problema per l'eccessiva influenza di questa minoranza su Plenković.

Quest'anno la Croazia ha adottato l'euro come valuta ufficiale.

Sì, la Croazia ha adottato l'euro il 1° gennaio e Plenković l'ha presentato come un grande trionfo. Allo stesso tempo, abbiamo aderito alla zona Schengen, che sostengo. L'euro è diverso, sono stato molto critico sulla tempistica perché ha causato un aumento dell'inflazione e alcuni ne hanno approfittato per aumentare i prezzi. La realtà è che l'euro non è una riforma in sé, quindi la nostra ha ancora le stesse debolezze del passato. La Croazia non è pronta a beneficiare dell'euro perché il governo non ha attuato le misure strutturali necessarie. Nei Paesi del Sud, come la Grecia, l'Italia, il Portogallo o la Spagna, l'euro è servito a rallentare la crescita e sarebbe stato meglio continuare a usare la moneta . A mio avviso, l'euro è stato molto positivo per le economie più forti come la Germania, l'Austria o i Paesi Bassi, ma non è stato vantaggioso per le economie più deboli.

C'è stata un'iniziativa organizzata dal deputato Marco Milanovic per indire un sull'adozione dell'euro, ma non sono state raccolte abbastanza firme. Perché questa iniziativa è fallita?

Inizialmente abbiamo sostenuto questa iniziativa, ma non era ben organizzata e non si è formata una coalizione più ampia a sostegno del referendum. Sono state raccolte molte firme, ma non abbastanza. È un peccato che la popolazione sia stata privata della possibilità di votare, perché credo che la maggioranza avrebbe votato contro.

 

Esiste un'alternativa che sia veramente conservatrice in Croazia?

Io lo spero, è per questo che faccio politica. Penso che ci siano molti elettori che si sentono frustrati da Plenković e dalla sua svolta a sinistra, quindi c'è un grande potenziale per le forze politiche conservatrici. Il mio partito è giovane, fondato tre anni fa, e siamo in buona sintonia con altri movimenti conservatori europei, come VOX in Spagna. In effetti, al CPAC di Budapest ho potuto confermare questa buona sintonia con l'eurodeputato di VOX Hermann Tertsch. Siamo critici nei confronti dell'UE e dell'accentramento del potere da parte della burocrazia di Bruxelles, e non abbiamo paura di criticare la teoria del gender e queste nuove idee della sinistra neo-marxista, che è presente anche in Croazia.

L'ideologia Woke è presente anche in Croazia?

Sì, con il partito Mozemo (Podemos, come il partito di estrema sinistra spagnolo). Zagabria è sotto il loro controllo e il loro obiettivo principale è quello di indottrinare i bambini attraverso l' pubblica. Come genitore, mi è chiaro che queste idee non si diffonderebbero mai nella società se la sinistra non avesse influenza sull'istruzione, perché i genitori non sono interessati alle teorie woke e gender. Il comunismo era basato su una menzogna ed è per questo che è fallito e caduto, quindi spero che sarà lo stesso con l'ideologia woke, la cosa più importante è prevenire i danni e proteggere i bambini da queste idee pericolose.

Lei è entrato in politica tre anni fa, ma prima era stato impegnato nel referendum sul matrimonio.

Sì, esatto. Ho partecipato attivamente al referendum per definire il matrimonio come l'unione di un uomo e una donna, che si è tenuto il 1° dicembre 2013. Insegnavo all'università cattolica e ho sostenuto pubblicamente questa iniziativa che, fortunatamente, è stata appoggiata dal 67% dei votanti. Il governo all'epoca era molto ostile, ma siamo riusciti a raccogliere abbastanza firme per forzare un referendum nazionale e vincerlo. Devo dire che è l'unica volta che sono finito sul New York Times; la mattina dopo ho ricevuto una telefonata in cui mi si chiedeva perché avessi sostenuto quell'iniziativa. Penso che dobbiamo lottare per la famiglia, per la famiglia naturale, per il matrimonio e dobbiamo anche prendere la cultura più seriamente, la politica non è sufficiente. Dobbiamo fare come la sinistra, lottare per i cuori e le menti delle giovani generazioni.

In questa lotta culturale, è essenziale conoscere il passato. In Croazia c'è stata una decomunistizzazione o, come in molti altri Paesi, i comunisti hanno semplicemente cambiato casacca?

No, non c'è stata in effetti. Le ex élite comuniste non sono scomparse, ma hanno partecipato alla transizione e alla privatizzazione delle imprese, potendo acquisire beni e grandi aziende perché facevano parte del sistema e avevano informazioni privilegiate. Al contrario, la maggior parte dei croati comuni, compresi quelli della diaspora, sono stati trattati come estranei e sono stati ostacolati nel partecipare alla transizione economica degli anni Novanta. Da allora hanno consolidato il loro potere e occupano posizioni nelle università e nei media. Dopo la guerra del 1995, il presidente Tudjman non è riuscito ad avviare questa decomunistizzazione e la Croazia ne subisce ancora oggi le conseguenze.

Nel 2009 ho organizzato a Zagabria una conferenza del Centro per il rinnovamento della cultura in occasione del ventesimo anniversario della caduta del Muro di Berlino. Avevamo grandi oratori, come Lech Walesa, venuto dalla Polonia, e io ho presentato una tavola rotonda sui “crimini del comunismo”. L'allora presidente, Stjepan Mesić, commentò che parlare dei crimini del comunismo era un ossimoro. Per lui non ci sono stati crimini del comunismo; questo è un segno di come queste élite continuino a negare i crimini del comunismo.

In Slovenia, gli attuali ministri del governo posano sorridenti davanti alla statua di Tito e i bambini sono vestiti da partigiani comunisti. C'è una situazione simile in Croazia?

Direi che in Slovenia è peggio, da quello che mi hanno raccontato Jansa e altri amici. In Croazia abbiamo più dibattiti sul passato, grazie soprattutto al ruolo della Chiesa cattolica. Anche se ci è voluto troppo tempo, nel 2017 siamo riusciti a cambiare il nome di una piazza centrale di Zagabria che era intitolata al “maresciallo Tito”, ci sono ancora molti intellettuali che difendono pubblicamente Tito. Ma tutto sommato, la nostra situazione è migliore di quella slovena.

Il massacro di Bleiburg è il più grande crimine commesso contro il popolo croato. Come è possibile che in Croazia ci siano persone che difendono Tito?

Molti di questi difensori di Tito si definiscono difensori dei diritti umani. Tuttavia, non hanno né tempo né pazienza per le vittime del comunismo, semplicemente le ignorano, quindi non posso prendere sul serio i loro discorsi incoerenti perché non si preoccupano della dignità delle vittime e della verità storica. L'8 maggio, ufficialmente il giorno della liberazione di Zagabria, viene ancora commemorato dalla sinistra in Croazia, e una settimana dopo ci sono messe e omaggi alle vittime di Bleiburg. Le controversie ci sono ed è per questo che è così importante continuare a scrivere libri sulla verità storica. Un esempio è lo storico britannico Robin Harris, che ha terminato un libro sulla Croazia moderna dalla metà del XIX secolo a Tujdman, e che tratta in diversi capitoli la Seconda guerra mondiale e il periodo comunista. C'è anche uno storico sloveno, Mitja Ferenc, che sta scrivendo un libro sugli scavi delle fosse comuni in Slovenia, le cui vittime potrebbero essere fino a 100.000, e un giovane storico austriaco, Florian Thomas Rulitz, che ha scritto un libro su Bleiburg in cui sostiene che gli assassinati furono sacrificati per il bene dell'integrità dell'Austria. Secondo lui, gli inglesi consegnarono tutte queste persone da massacrare in cambio del ritiro dei partigiani dall'Austria. Un'argomentazione molto interessante sulla complicità britannica in questo crimine.

Le autorità austriache hanno più volte espresso la loro insoddisfazione per i tributi organizzati a Bleiburg. Dopo le limitazioni causate dal COVID, qual è la situazione attuale?

Le autorità austriache non permettono più di andare a Bleiburg, così quest'anno sono stato a Macelj, teatro di un massacro, dove ogni anno si tiene una messa la seconda domenica di ogni mese. Il Parlamento austriaco ha vietato la messa pubblica a Bleiburg e ora consente solo la celebrazione della messa nella chiesa cattolica locale di Bleiburg. In precedenza, circa 50.000 persone erano venute dalla Croazia per rendere omaggio agli assassinati.

Prima ha menzionato il ruolo della Chiesa cattolica croata, una Chiesa che, come quella slovena, è ferma nella difesa delle vittime del comunismo.

Sì, non si può essere codardi in questo campo e la Chiesa deve parlare a nome di tutti coloro che sono stati uccisi per la loro fede. Per esempio, vicino a Macelj, dove ho partecipato alla messa per Bleiburg, nel maggio 1945 furono uccisi 21 monaci francescani. La Chiesa croata è forte e capace di alzare la voce per la giustizia e il ricordo di tutti gli innocenti che sono stati uccisi. La realtà è che non c'è una sola famiglia croata che non sia stata colpita dai terribili eventi del 1945. Molte famiglie sono state divise e questa è stata un'amara frattura all'interno della Croazia, e questo è qualcosa che non può essere cancellato dalla storia. Il nuovo arcivescovo di Zagabria, Dražen Kutleša, ha sottolineato che ogni vita umana è sacra e che tutti meritano un luogo di sepoltura dove le famiglie possano ricordare i loro cari. I comunisti volevano togliere questo diritto alle loro vittime.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x