Grecia. ONG tedesche sotto accusa per spionaggio e traffico di esseri umani.

Membri e volontari di quattro ONG tedesche sono state accusate di usare metodi di spionaggio per ingannare le forze di frontiera greche e dell’Unione Europea per aiutare i migranti a entrare clandestinamente in Grecia.

Mare Liberum, Sea Watch, FFM e Josoor International Solidarity sono tutte menzionate nelle indagini della polizia come organizzazioni i cui membri o volontari avrebbero aiutato i contrabbandieri in Turchia. Queste organizzazioni operano in Grecia sin dal culmine della crisi migratoria del 2015, riferisce il quotidiano Proto Thema.

Secondo il giornale, i membri delle ONG hanno mappato i movimenti delle imbarcazioni dei migranti in partenza dalla terraferma turca verso l’isola greca di Lesbo e hanno usato lo spionaggio e altri metodi per ingannare le forze di frontiera greche e l’agenzia di frontiera dell’Unione Europea Frontex.

Si dice che gli attivisti abbiano anche registrato conversazioni di funzionari greci nel settore delle telecomunicazioni e manipolato il numero di emergenza usato dai migranti quando sono in difficoltà.

Le autorità greche hanno passato mesi a condurre indagini sull’attività delle ONG e sono persino riuscite a trovare delle mappe su una nave appartenente a Mare Liberum che descrivevano i punti di uscita per i migranti lungo la costa turca e i punti a Lesbo verso cui navigare.

Oltre alle perquisizioni, ai sequestri e alla sorveglianza, gli investigatori a luglio hanno inviato in Turchia un gruppo di agenti che si fingevano migranti per vedere come funzionava il programma di tratta di esseri umani.

Gli agenti hanno detto che due donne, una cittadina austriaca, membro fondatore della Josoor International Solidarity, e una norvegese, erano in contatto diretto con i trafficanti di esseri umani.

La polizia greca ha dichiarato che le organizzazioni hanno lavorato con l’organizzazione caritatevole Alarmphone, che ha fornito alle ONG le posizioni delle imbarcazioni dei migranti che avrebbero aiutato ad allontanare le imbarcazioni dalle autorità di frontiera greche.

Mentre gli investigatori hanno raccolto prove, che alla fine di settembre hanno portato all’implicazione di oltre 30 lavoratori delle ONG, hanno avuto molte più difficoltà a rintracciare il flusso di cassa delle organizzazioni in quanto tutte hanno sede in Germania, nonostante operino in Grecia.

La Guardia di Finanza greca, con l’assistenza dell’Autorità Nazionale per la Trasparenza, dovrebbe chiedere aiuto alla Germania per determinare se le ONG sotto inchiesta hanno sottratto denaro ai trafficanti di esseri umani.

L’indagine greca viene dopo che diversi altri paesi hanno sostenuto che le ONG che fanno da taxi ai migranti hanno legami con i trafficanti di persone, tra cui un rapporto tedesco che afferma che i contrabbandieri rintracciano le navi delle ONG al largo delle coste della Libia.

“In presenza delle navi delle ONG, sono state registrate partenze concertate dalla Libia. Secondo i rifugiati e i migranti, i contrabbandieri usano la funzione di tracciamento su vari siti web per determinare la posizione delle navi delle ONG e li contattano in singoli casi utilizzando un telefono satellitare”, ha dichiarato un rapporto del Centro tedesco di analisi e strategia congiunta per l’immigrazione illegale (Gasim) all’inizio di quest’anno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,186FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati