Green Pass, Marrone (FdI): “Illegittimo chiedere agli esercenti piemontesi di fare i pubblici ufficiali. Quesito formale al Garante Privacy”

“Hanno perfettamente ragione le associazioni di commercianti ed esercenti quando affermano che un ristoratore non ha alcun obbligo e titolarità di identificare i propri clienti esigendo l’esibizione dei documenti di identità, quantomeno nell’ordinamento giuridico italiano. Per questa ragione oggi provvedo a inoltrare un quesito formale al Garante Nazionale della Privacy per avere conferma che agli esercenti privati non possano, e non debbano, essere attribuite funzioni tipiche dei pubblici ufficiali – a dichiararlo è l’assessore della Regione Piemonte agli Affari Legali Maurizio Marrone, che prosegue: “Nessuna sanzione e misura repressiva finché non verrà fatta chiarezza dall’autorità preposta alla tutela dei dati personali. Questo governo non può permettersi di calpestare secoli di Stato di diritto in nome dell’emergenza sanitaria. Una delle condizioni poste a giugno dal Garante della privacy era stata espressamente la “tassatività e la determinatezza dei campi di applicazione del Green Pass” , mentre in questi giorni apprendiamo dai giornali di continue estensioni applicati e da parte del governo. Noi Fratelli d’Italia abbiamo sempre sostenuto che il green pass fosse una misura discriminatoria tra cittadini, illogicamente svincolata dall’andamento dei dati sanitari, e inutilmente penalizzante nei confronti dei settori del turismo, della ristorazione e della cultura che stavano faticosamente affrontando la ripresa. Ora i nodi vengono al pettine”.

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
6,959FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x