Il Comma 22 dell’intellettuale di Destra.

Tra una copertina e una piazza il comma 22 della cultura a destra

Novembre 2020, in un’Italia forzatamente sonnachiosa e chiusa in se stessa al termine di un anno in cui i giorni sembrano tutti uguali, due avvenimenti minori e di per sé insignificanti (la copertina di una rivista gloriosa che oggi per sopravvivere viene venduta allegata a un quotidiano, e il nome d’una piazza in un comune dell’hinterland sconfinato d’una grande città) diventano oggetto di dibattito nell’ambito della cultura di destra. Un dibattito a mezza bocca, anzi un pucciniano coro a bocca chiusa.

Un ambito che altrimenti sarebbe vivacissimo (per non cadere nell’autoreferenzialità basterebbe ricordare il post su Facebook dello scrittore e assessore circoscrizionale romano Raimo in cui citava ad esempio per la sinistra la varietà di iniziative editoriali… a destra!), ma la cui esistenza non solo non è nota al grande pubblico (forse per colpa dell’egemonia culturale di sinistra) ma che è ignorata anche nella destra stessa, quella che governa non poche regioni e non pochi comuni, e che pure dagli anni ’90 in poi ha governato il paese per diverse legislature.

Perché chi fa l’intellettuale e non si colloca a sinistra vive in una sorta di perenne Comma 22. Se nel romanzo del 1961 di Joseph Heller si ironizzava sull’alienazione e sull’esperienza di pilota di guerra nel secondo conflitto mondiale affermando: «Chi è pazzo può chiedere di essere esentato dalle missioni di guerra, ma chi chiede di essere esentato dalle missioni di volo non è pazzo» per chi fa cultura e non si inserisce nell’alveo del mainstream egemone il comma 22 diventa: «se è uno di destra non può essere un intellettuale, se è un intellettuale allora non potrà essere di destra».

È il paradosso dell’intellettuale di destra che non “può esistere in quanto tale”. Un paradosso continuamente ribadito e ricordato a sinistra, ma che amaramente, dobbiamo ammettere che spesso alberga anche a destra quando questa non impiega i suoi di intellettuali. Non l’area culturale e quella militante, attiva, ma quella governativa, che quando si trova a condurre dal più complesso ministero, al più piccolo assessorato di un comune sperduto, improvvisamente è convinta di non poter contare su propri intellettuali e quindi chiama quelli di sinistra.

È quello che è accaduto in questo scampolo di novembre 2020 è un lampante esempio di questo comma 22 culturale. Un settimanale, uno dei pochi rimasti, dedica la copertina a un fumettista, e fin qui nulla di strano. Quello che colpisce (e si scoprirà imbarazzare persino il fumettista in questione) è il titolo «L’ultimo intellettuale». D’altronde il fumettista in questione vende bene, sa essere non banale, è andato in zone di guerra a fare reportage a fumetti (onore a lui), e sa essere anche divertente con i suoi cartoni su Youtube. La definizione di intellettuale per dei fumettisti di quel calibro ci sta. Certo è un qualcosa costruito nel tempo È cresciuto in dieci anni un ecosistema fatto di contenuti, di immagine di promozione, per arrivare a numeri da bestseller, film tratto dai fumetti incluso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,613FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati