Il ministro ungherese: “Siamo un’alternativa europeista e conservatrice ai liberal-progressisti”.

Pubblichiamo un report a firma di Álvaro Peñas di El Correo de Espana, sulla recente visita di Judit Varga a Madrid.

Il ministro ungherese della giustizia e degli affari europei, Judit Varga, era a Madrid lunedì scorso per una visita ufficiale in cui ha incontrato Pablo Zapatero, segretario di Stato per la giustizia, e Juan González-Barba, segretario di Stato per l’Unione Europea. Nel pomeriggio ha tenuto una conferenza all’Università CEU San Pablo e ha anche incontrato il presidente di VOX, Santiago Abascal. Nonostante la sua fitta agenda, il ministro ha tenuto una riunione con vari media alla quale ero presente. “La mia missione è quella di fornire informazioni chiare sulla nostra posizione”, ha esordito il ministro, “che non sarà sempre l’opinione della maggioranza in Europa, ma che è legittima.

La guerra ibrida con i migranti ad est

Il primo argomento della riunione è stata la situazione sul confine polacco-bielorusso. Il ministro ha mostrato il sostegno del suo paese alla Polonia, alla Lituania, ai paesi baltici e a tutti i paesi che hanno un bisogno imminente di proteggere le loro frontiere e ha ricordato che l’Ungheria ha affrontato la stessa situazione nel 2015. “Abbiamo detto allora che avevamo bisogno di una protezione fisica delle frontiere per l’area Schengen e si è rivelata efficace, abbiamo fermato completamente l’immigrazione illegale. All’epoca fu considerato un ‘atto diabolico’ e iniziò una procedura di sanzione che è ancora in corso oggi, ma possiamo vedere che sempre più paesi dell’UE stanno usando la stessa soluzione”. Per Varga, l’UE dovrebbe affrontare le crisi migratorie nei paesi d’origine e non portare il problema in Europa.

L’attuale crisi in Bielorussia ha anche mostrato ancora una volta i doppi standard dell’UE nei confronti dell’Ungheria. Nel gennaio di quest’anno, l’agenzia europea per le frontiere, Frontex, ha abbandonato l’Ungheria perché i migranti venivano rimandati in Serbia, un paese considerato “non sicuro” da Bruxelles. Tuttavia, la stessa UE ha accettato i ritorni in Bielorussia. “Viviamo in un mondo di due pesi e due misure nei confronti dell’Ungheria ed è ora di fermare tutte queste procedure di sanzione per fare la stessa politica che viene applicata oggi. L’Ungheria ha speso 1,3 miliardi di euro del suo bilancio per costruire il muro e l’UE ha dato solo 20 milioni di euro, perché non danno soldi per i muri”. I muri, tuttavia, sono l’unico modo per frenare l’immigrazione illegale di fronte a una politica d’asilo inefficace dell’UE. “Abbiamo visto che nei paesi dell’Europa occidentale, come la Francia o il Belgio, hanno un problema di migrazione secondaria, cioè, le persone la cui domanda d’asilo è stata respinta e che devono tornare nel loro paese non lo fanno; solo il 29% dei ritorni sono effettivi, il 71% rimane. Con muri, aree di transito e ritorni attraverso la frontiera, stiamo proteggendo l’Europa da questa migrazione secondaria”.

Per il ministro, “la realtà bussa alla porta” e questa crisi ha dato ragione all’Ungheria. “La chiave è non inviare lettere d’invito, non creare un effetto di richiamo. Qualsiasi meccanismo di quota o di condivisione è uno zero per noi. Se c’è un meccanismo significa che c’è spazio, c’è una volontà. Nel nuovo patto migratorio lo chiamano “assistenza al ritorno”, ma in pratica non si possono garantire meccanismi di ritorno per i migranti e poi rimangono in Europa, e questo equivale a una quota.

In breve: finanziamento di muri, misure all’estero, protezione delle frontiere e zero quote.

La legge ungherese sulla protezione dei bambini: difende il diritto dei genitori di determinare l’educazione dei loro figli.

Sullo stato di diritto e le minacce della Commissione all’Ungheria per la sua nuova legge sulla protezione dei bambini, il ministro è stato chiaro: “È una legge che difende il diritto dei genitori di determinare l’educazione dei loro figli. Vogliamo proteggere i nostri figli dalle lobby LGTBQ. Non è una legge contro qualcosa o qualcuno, è una legge per la protezione delle famiglie e dei bambini, un diritto sovrano che non è stato consegnato all’UE che non può determinare come i genitori ungheresi devono educare i loro figli. Ma questo è diventato parte del dibattito sullo ‘stato di diritto’ e ora in Ungheria non abbiamo uno ‘stato di diritto’ a causa di questa legge. Questo non è altro che uno strumento della maggioranza ideologica progressista, che purtroppo domina in Europa, per fare pressione sui paesi che non vogliono accettare le loro imposizioni.

In questo senso, uno degli strumenti utilizzati contro l’Ungheria sono le ONG legate alla Open Society di George Soros. Il governo ungherese ha cercato di chiedere trasparenza a queste ONG per sapere quanti soldi hanno ricevuto in donazioni dall’estero, ma questa legge ha incontrato una forte opposizione da Bruxelles e da alcune ONG, è stata contestata in tribunale e l’Ungheria ha perso la causa. “Attualmente devono registrare elettronicamente il loro reddito solo quando è superiore a 30.000 euro. Ci sono un certo numero di ONG nell’UE che hanno molte risorse finanziarie con cui possono influenzare l’opinione pubblica, ed è questa capacità che rende necessaria questa trasparenza. Ci sono 60.000 ONG in Ungheria, ma solo una dozzina di esse appartengono a questa rete, e solo loro si sono opposte alla legge.

Questo è anche un segno importante che hanno un’ottima rete nella Commissione, e possiamo vederlo nella relazione sullo stato di diritto. Ci sono 23 ONG di questo circolo che sono fonti per questo rapporto e ci sono 60 riferimenti ai loro risultati. La Commissione ha semplicemente copiato e incollato i loro rapporti senza ulteriori analisi. Questo non è un fenomeno esclusivo dell’Ungheria, ma colpisce anche altri governi conservatori, e di conseguenza la credibilità della Commissione è in discussione”.

I successi economici dell’Ungheria

Tuttavia, tutti questi attacchi ideologici contro il governo ungherese si scontrano con il fatto indiscutibile del successo economico dell’Ungheria, con una crescita del PIL del 6,8% e una disoccupazione inferiore al 4%, e un’economia che, a differenza della Spagna, è al servizio del popolo ungherese. “Siamo usciti dalla crisi finanziaria senza il credito del FMI e quindi siamo stati in grado di evolvere a modo nostro. Dobbiamo essere dalla parte del popolo e non delle banche. In Ungheria il prezzo del gas, dell’elettricità e dell’acqua è fisso per evitare qualsiasi volatilità nelle famiglie. Abbiamo lottato contro la liberalizzazione di questi mercati controcorrente, perché era molto progressista. Ora abbiamo i prezzi più bassi dell’UE.

Orgogliosi di aver difeso l’Europa con il nostro sangue e la nostra forza

Né il confronto con Bruxelles ha intaccato la vocazione europea del governo ungherese, che non sta considerando l’opzione di ‘Huxit’, un’uscita dall’UE: “Assolutamente no. È nella nostra costituzione e siamo sempre stati parte dell’Europa. Siamo orgogliosi di aver difeso l’Europa con il nostro sangue e la nostra forza, proteggendo fedelmente l’Europa dall’Impero Ottomano. Siamo stati invasi e li abbiamo espulsi. Dopo il crollo del comunismo abbiamo potuto unirci legalmente a questa comunità. Siamo dell’Europa centrale e la nostra mentalità è europea. Sono europeo perché sono ungherese, se non fossi ungherese non sarei europeo.

I conservatori come alternativa al circuito liberal-progressista

Si potrebbe pensare che, in realtà, l’intero problema dell’Ungheria è che offre un'”alternativa” al mainstream liberal progressista. “Abbiamo dimostrato che nella pratica, nella realtà, ci può essere un’alternativa alle politiche liberali, che ci può essere una democrazia conservatrice basata sulla libertà cristiana che rispetta tutti e ha successo economico. Abbiamo dimostrato che esiste un’alternativa europeista e conservatrice alle politiche liberali. E penso che il pericolo che abbiamo è che possiamo essere un esempio per gli altri ed essere contagiosi. Il Partito Popolare Europeo è in costante sfida perché è in crisi di leadership, in Spagna sta succedendo la stessa cosa al PP, la stessa cosa sta succedendo in Germania o in Francia. Non sono fedeli ai loro principi, essendo un partito conservatore e cristiano, ma i loro elettori sono ancora lì, non sono scomparsi, chiedendo una vera rappresentanza politica. Il Partito Popolare è diventato troppo liberale per loro. C’è un enorme bisogno di una vera piattaforma o alleanza di partiti conservatori, e questo verrà”.

Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,388FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati