Il più giovane deputato ucraino imbraccia le armi: “Combatteremo fino alla fine. Non abbiamo altra scelta”

L'intervista di Alvaro Penas di El Correo de Espana a Sviatoslav Yurash.

L’invasione russa dell’Ucraina ha ricordato al mondo il significato della parola “patriottismo”. Gli ucraini hanno radunato il loro esercito e stanno dimostrando il loro coraggio e la loro determinazione a difendere la loro patria. Coloro che credevano che le forze ucraine sarebbero state spazzate via in poche ore dal rullo compressore russo devono riconoscere il loro errore. Il presidente russo Vladimir Putin ha chiamato i suoi alleati musulmani ceceni e le truppe bielorusse di fronte alle alte perdite del suo esercito.

Molti ucraini sono tornati a casa per combattere, e persone di tutti i ceti sociali si sono unite alla lotta, compresi i politici. Questo è sorprendente se si pensa a molti leader dell’Europa occidentale. Il presidente ucraino Volodymir Zelenski, che indossa un’uniforme e invia messaggi di incoraggiamento alla difesa, ha rifiutato di essere evacuato: “La lotta è qui; ho bisogno di munizioni, non di un passaggio”. Un’altra figura di spicco è il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, ex campione del mondo dei pesi massimi, che ha anche preso le armi per difendere la sua città e ha imposto un coprifuoco prolungato “per una difesa più efficace della capitale e la sicurezza dei suoi abitanti”.

Ma ci sono anche altri politici, molto meno conosciuti, che si sono uniti alla lotta. Uno di loro è il deputato Sviatoslav Yurash, che appartiene al partito dei Servi del Popolo del presidente Zelenski. Yurash è il più giovane deputato, a soli 26 anni, nella Verkhovna Rada, il parlamento ucraino.

Il giovane deputato ha deciso di prendere le armi perché “questa è la nostra capitale, questo è il nostro paese, questa è la nostra terra, il nostro popolo. Non posso stare a guardare mentre un dittatore pazzo cerca di distruggere la mia nazione”.

L’immagine di Sviatoslav, armato di un fucile automatico Kalashnikov, il famoso AK-47, che pattuglia le strade di Kiev, ha attirato l’attenzione di vari media internazionali. In un’intervista del 25 febbraio al canale britannico GBNews, il politico ucraino ha sottolineato che “abbiamo bisogno che il mondo si svegli e ci aiuti in questa lotta. Abbiamo bisogno di elmetti, giubbotti antiproiettile, tutto, perché siamo di fronte a uno degli eserciti più forti del mondo”. Due giorni dopo è stato anche intervistato dall’agenzia turca Anadolu mentre si recava alla cattedrale di San Michele. Yurash ha detto: “Non sono un soldato, ma il punto è che questa è una lotta in cui siamo tutti coinvolti ora. L’assedio di Kiev sta avvenendo”.

Martedì ha parlato al canale britannico 4 News della no-fly zone che l’Ucraina sta chiedendo alla NATO: “Il punto è che la no-fly zone è una misura umanitaria che fermerebbe il bombardamento indiscriminato dei cittadini ucraini […] Non so quanti altri di persone uccise, edifici civili fatti saltare in aria o bambini uccisi l’Occidente deve vedere per capire che abbiamo bisogno di una no-fly zone rafforzata dalla NATO”.

Dopo diversi tentativi, sono riuscito a parlare con lui al telefono. Come molti altri, Sviatoslav è completamente dedicato alla difesa della sua città, così siamo stati in grado di parlare solo per pochi minuti prima che la conversazione fosse interrotta. Ecco cosa mi ha detto il giovane deputato, uno dei tanti difensori dell’Ucraina.

Qual è la situazione a Kiev in questo momento?
Ci stiamo preparando all’arrivo di una colonna di truppe russe lunga 40 chilometri, una colonna di cui tutti parlano. Quindi, ci stiamo preparando alla battaglia in tutti i modi possibili.

Sono rimasti molti civili in città?
Questa è una città molto grande di cinque milioni di persone, alcuni sono fuggiti ma molti altri hanno preferito rimanere a combattere, ci sono stati anche altri che sono andati nei loro luoghi d’origine per combattere lì. Il punto è che questa è un’invasione su tutti i fronti e ci sono migliaia di noi che hanno deciso di restare a combattere.

L’immagine dei politici ucraini che prendono le armi per il loro paese ha scioccato l’Europa occidentale, dove purtroppo c’è un’enorme mancanza di patriottismo.
La verità è che quello che lei dice è molto triste. La realtà del nostro paese non ci lascia altra via che impegnarci nella lotta, ed è quello che faremo, combattere fino alla fine. Non abbiamo altra scelta.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

2 Commenti

  1. Il giovane deputato ukraino che ha affermato che non c’è altra scelta che combattere sino alla morte, gli dico che ha poche idee ma ben confuse. Basta che il suo GOVERNO proclami solennemente che l’Ukraina NON ADERIRA’ MAI ALLA NATO e non ospiterà mai armi offensive contro la Russia ma perseguirà relazioni pacifiche da buon vicinato. E la pace tornerà a regnare, perchè la RUSSIA non vuole altro che quello che volle il “pacifista” KENNEDY quando giustamente intimò e ottenne col le scuse in Consiglio di Sicurezza Onu dall’URSS di Kruscev di ritirare da CUBA i missili nucleari puntati sul territorio americano.

  2. Anche un giovano russo ha affermato che combattera’ per impedire alla Nato e a Bidet di installare basi missilistiche al confine russo/ucraino. Come la mettiamo? Smettiamola di essere ipocriti su questo argomento . Il vostro vergognoso appoggio a Draghi i merito alla guerra in Ucraina e’ in qualificabile. Siete ostinatamente Atlantisti ed europeisti ad ogni costo anche se ci stanno portanto al genocidio mondiale con la terza mondiale. Complimenti avete perso il mio voto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,392FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati