Il Prof. Saraceni insulta la Meloni. Avanti un altro!

Ecco che come un lapillo esuberante, dal magma del web, spunta un altro partecipante al simposio degli illuminati. Il prof Guido Saraceni non poteva non dire la sua sulla Meloni, dopo Gozzini e Van Straten si sentiva escluso dall’orgia delle invettive, alla quale ha voluto partecipare con due malconce righe appiccicate sulla sua pagina Facebook. E invero doveva avere fretta perché l’approfondimento sul contenuto lascia insoddisfatti, le dà infatti banalmente dell’ignorante, limitandosi a ricalcare le gesta fresche di dei suoi chiarissimi colleghi.

Lo spunto è un post della Meloni in cui ironicamente definisce la lectio magistralis sulla tenuta dal prof Giuseppe una “lectio fallimentaris”. E come “si permette” – tuona il professore – come può quell’ignorante della Meloni criticare l’esimio ex del Consiglio? Ammonisce il professore: “La Meloni … rappresenta il simbolo più chiaro di unepoca in cui gli ignoranti, tronfi a causa della propria mancanza di consapevolezza, spalleggiati da orde di capre, credono di poter sbeffeggiare impunemente gente che ha studiato per una vita e dalla quale avrebbero davvero tanto da apprendere”.

Senza risparmiarci la sua interpretazione da psicologo de noantri, poi, attribuisce questa esternazione alla frustrazione da complesso di inferiorità.

Offese banali, trite e ritrite, per le quali non serve scendere nel merito, ma valeva comunque la pena di riportare fedelmente le parole del prof, perché in ognuna si cela quello spocchioso senso di superiorità e di disprezzo del popolo che contraddistingue questa sedicente intellighenzia, che non sa cosa significhi la politica, che non capisce il senso profondo della democrazia e lo distorce a proprio uso e consumo piegandolo utilitaristicamente ai propri obiettivi.

“La star del web” si definisce il professore, che per rimarcare la sua superiorità intellettuale dare del “webete” (neologismo da lui coniato per indicare gli “ebeti del web”) a chiunque osi esprimere un concetto non conforme al Saracenipensiero,  peccato che le sorti di una libera le debbono accudire i parlamenti, quelli in cui siedono gli eletti, non i professori cooptati. É tanto complicato comprendere che il di critica esercitato da un leader politico è anche un dovere imposto dal che si crea tra eletto ed elettore? É troppo difficile farsi una ragione del fatto che, quella che dall’alto della sua della cattedra il prof definisce “massa di capre”, è la base elettorale, la gente , il popolo che ripone fiducia e speranze nell’azione politica di un partito?

Pare di sì, e per questi “giganti della ” é scattato l’ignorantometro: se non hai laurea, master, PhD e cattedra (indipendentemente da come la si sia ottenuta poi la cattedra, ma questo e un altro discorso) non ti puoi permettere di fare alcun tipo di valutazione, unica soluzione è venire scacciati con ignominia dal consesso dei colti.

Il fatto che questo cozzi irrimediabilmente con tutti i più elementari principi di democrazia e dimostri l’adesione al più bieco assolutismo dispotico non conta.

Se questi sono i presupposti non osiamo immaginare il contenuto delle lezioni del Nostro, che insegnerebbe oltre ad informatica giuridica anche filosofia del e ci tocca di rammentargli che in democrazia, chiunque venga scelto dal popolo ha non solo il , ma il dovere di rappresentare la . Potrà essere utile al professore rinfrescare questo concetto prima della sua prossima lezione universitaria, ma anche per evitare di fare su facebook un’altra figura da “webete”.

1 commento

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Luigi Bigaroni

Di quale letamaio è “professore” costui, che non distingue l’intelligenza dal titolo di studio?

Seguici e resta aggiornato

18,508FansLike
5,564FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x