Intervista con Natalia Yepifanova: “Quanti altri ucraini devono morire perché il mondo capisca che la partnership con la Russia significa condonare i suoi peggiori crimini?”

Pubblichiamo l'intervista, tradotta in italiano, all'avvocato Natalia Yepifanova pubblicata sul The European Conservative, a cura di Álvaro Peñas.

Natalia Yepifanova è avvocato, laureata in Giurisprudenza presso l'Università Nazionale Taras Shevchenko di Kiev, e responsabile dell' “Voyatskyi Vyzvil” (Liberazione dei guerrieri).

Quanti prigionieri di guerra sono attualmente nelle mani dei russi? Quanti di loro sono difensori di “Azovstal”?

Le informazioni sul numero di prigionieri di guerra sono tenute segrete. Tuttavia, noi, come settore pubblico, teniamo i nostri calcoli. Secondo i nostri dati, ci sono più di 10.000 militari ucraini in cattività. Va ricordato che la Russia tiene prigionieri anche i civili e, secondo i dati ufficiali, il numero è di circa 27.000 persone. Inoltre, il Ministero degli Affari Interni rileva che attualmente circa 24.000 ucraini sono considerati dispersi in circostanze speciali, e circa la metà di questo numero potrebbe essere in cattività.

Circa 4.500 soldati catturati, che difendevano Mariupol, sono ora in prigionia, di cui circa 2.000 soldati hanno ricevuto l'ordine di lasciare l'impianto Azovstal; 1.500 sono stati catturati dall'impianto di Ilyich, e 1.000 sono stati catturati in altri punti di difesa della città di Mariupol.

Ci sono molte fotografie di prigionieri esausti in condizioni terribili, qual è la situazione dei prigionieri ucraini? La Russia rispetta la Convenzione di Ginevra?

La Russia manca gravemente di rispetto e viola il diritto umanitario internazionale sia in termini di guerra che di detenzione di prigionieri di guerra. La violazione delle Convenzioni di Ginevra sul trattamento dei prigionieri di guerra è una pratica comune di questo Stato dal 2014. Secondo le Convenzioni di Ginevra, durante un conflitto armato internazionale, ogni Stato deve creare un Ufficio nazionale di informazione per tenere i registri dei prigionieri di guerra e scambiare informazioni tra queste strutture sul luogo di detenzione, sullo stato di salute del prigioniero di guerra e per stabilire una comunicazione con le famiglie. Tuttavia, l'ONA creato dalla Russia non svolge le funzioni assegnategli. La Russia nasconde i prigionieri, non conferma la cattura della maggior parte dei soldati che ha privato della libertà e le strutture statali russe si rifiutano di confermare i fatti della cattura su richiesta dei parenti dei prigionieri, su richiesta del Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) e su richiesta del gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulle sparizioni forzate.

I rappresentanti dello Stato russo alle Nazioni Unite si rifiutano di partecipare alle sessioni ONU dedicate alla ricerca dei prigionieri ucraini. Ci si può solo chiedere perché l'ONU non abbia privato i rappresentanti della Russia del diritto di essere presenti e rappresentare questo Paese nell'organizzazione la cui essenza è garantire la sicurezza mondiale e i diritti umani. Perché una delle quattro sedi dell'ONU a Ginevra è ancora guidata dalla funzionaria russa Tatiana Valovaya? Presso la sede da lei si trovano organismi delle Nazioni Unite come il Comitato per la protezione dei diritti umani, il Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulle sparizioni forzate e altri. Questi organismi delle Nazioni Unite, che ho citato, sono semplicemente paralizzati nella questione dei prigionieri ucraini, della protezione dei loro diritti, della loro ricerca, della loro conferma e della resistenza alla tortura. È a causa delle azioni deliberate o dell'inazione del Direttore Generale della sede ONU di Ginevra che questi organismi ONU sono completamente inefficaci?

Conosciamo i fatti dell'omicidio in cattività. L'attacco terroristico di Olenivka ha causato la morte di circa 80 persone. Ma l'Ucraina non ha ancora ricevuto ufficialmente il numero esatto dei morti e dei feriti, né i loro nomi. Riceviamo costantemente notizie di morti in prigionia, perché nelle colonie russe vengono torturati, derisi e privati delle cure mediche. I guerrieri tornano esausti e la loro salute si deteriora in modo permanente.

Se nemmeno l'esercito russo rispetta le Convenzioni di Ginevra, cosa succederà quando l'esercito ucraino cadrà nelle mani di Wagner?

A nostro avviso, i metodi di trattamento dei prigionieri di guerra ucraini tra Wagner e l'esercito russo non dovrebbero essere distinti. I soldati del gruppo armato illegale Wagner e quelli dell'esercito russo sono ugualmente crudeli, violano e non rispettano il diritto umanitario internazionale. Queste formazioni non dovrebbero essere separate, poiché agiscono tutte su ordine del comandante in capo russo, sono composte da cittadini russi, sono ideologicamente orientate verso l'Ucraina e inoltre, secondo gli esperti internazionali, il gruppo armato illegale Wagner è stato creato su iniziativa e con il sostegno di alti funzionari del Ministero della Difesa della Federazione Russa e, secondo gli esperti occidentali, è semplicemente un'unità mascherata all'interno della struttura del Ministero della Difesa della Federazione Russa. Sia l'esercito russo che il gruppo armato illegale Wagner sono strumenti nelle mani delle autorità russe per la distruzione degli ucraini. È il governo della Federazione Russa che nasconde i prigionieri ucraini, non conferma la cattura della maggior parte dei prigionieri ucraini, rifiuta di mettere in contatto i prigionieri con i loro parenti, è con il sostegno del governo della Federazione Russa che nelle colonie della Federazione Russa avvengono abusi, torture e omicidi.

So che le vostre associazioni hanno raccolto numerose testimonianze di torture e trattamenti disumani dei prigionieri. Rapporti simili sono stati presentati in precedenza al Tribunale dell'Aia dalla vicepresidente del Sejm polacco, Malgorzata Gosiewska, e dal membro del Parlamento europeo, Anna Fotyga. Che ruolo hanno le strutture internazionali come l'ONU e la Croce Rossa in questi casi, ed è vero che hanno rinnegato i loro obblighi nei confronti dei difensori di Azovstal?

In Ucraina esiste una missione di monitoraggio delle Nazioni Unite, la cui attività consiste nel controllare le violazioni dei diritti umani. Intervistano parzialmente i militari ucraini rilasciati dalla prigionia e presentano tali testimonianze all'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani per un rapporto annuale. Il CICR, a sua volta, non può raccogliere prove di violazioni dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario in conformità al suo mandato.

A nostro avviso, l'ONU si è estromessa del tutto dalla soluzione del problema dei prigionieri.

Oggi, sia l'ONU che il CICR insistono sul fatto di aver garantito proprio l'uscita sicura dei difensori di Azovstal dalla prigionia, ma non hanno garantito il loro rimpatrio. La Russia sta conducendo questa guerra di annientamento senza regole e senza accordi, è un avversario insidioso e vile che reagirebbe solo alla forza o alle sanzioni economiche. Ecco perché noi ucraini chiediamo sempre alla comunità internazionale, ai governi dei Paesi europei e agli Stati Uniti di trovare leve di influenza e di pressione sulla Russia, perché la Russia non è ancora isolata dal mondo civilizzato sia politicamente che economicamente. Quanti altri ucraini devono morire perché il mondo capisca che collaborare con la Russia significa condonare i suoi peggiori crimini?

E per quanto riguarda Olenivka, c'è stata una risposta internazionale?

L'atto terroristico di Olenivka del 29 luglio 2022 non viene indagato dalle organizzazioni internazionali. Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha sciolto la missione di indagine sul bombardamento della prigione di Olenivska da parte della Russia. Nel rapporto annuale delle Nazioni Unite sui diritti umani e sul trattamento dei prigionieri di guerra, l'ONU non ha menzionato l'omicidio dei soldati ucraini da parte della Russia nella colonia di Olenivka.

Dove, a quanto pare, c'è stata una reazione, è stato il caso del rapimento dei bambini ucraini in Russia. Come sta procedendo questo caso?

Il 30 marzo 2023, il Commissario del Presidente dell'Ucraina per i diritti dei bambini, Darya Gerasimchuk, parlava di circa 19.500 bambini ucraini deportati in Russia dagli occupanti, e questa cifra non è definitiva. Ad oggi, diverse centinaia di bambini sono stati rimpatriati. È stata la deportazione dei bambini ucraini da parte della Russia a far sì che la Corte penale internazionale dell'Aia emettesse mandati di arresto a vita per Putin e per il difensore civico russo per l'infanzia, Maria Lvova-Belova, che non solo ha facilitato la deportazione dei bambini, ma ha anche adottato un bambino di Mariupol. In Russia ci sono anche 4.400 orfani e bambini privi di cure parentali. La raccolta di dati su questi bambini è in corso.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x