Intervista con Uzay Bulut: “E’ in gioco il futuro dell’Europa e della cristianità nel mondo”

Riportiamo, tradotta in italiano, l'intervista a Uzay Bulut a cura di Álvaro Peñas, pubblicata su The European Conservative.

Uzay Bulut è una giornalista e analista politico turca in esilio, con sede ad Ankara. I suoi scritti sono apparsi su riviste come Washington Times, Christian Post, Jewish News Syndicate, Al-Ahram Weekly, American Spectator, American Conservative, Providence e Jerusalem Post. Il suo giornalistico si concentra principalmente sui diritti umani, sulla e sulla storia della Turchia e sulle minoranze religiose in Medio Oriente e in Asia. Attualmente Bulut sta svolgendo un dottorato di ricerca in studi internazionali ed è ricercatrice del Philos Project. Fa anche parte del comitato consultivo della serie di documentari educativi “Faces of Persecution: Exploring Global Religious Oppressions”.

Lei si è dichiarata contraria al governo di Erdogan e ha denunciato l'esistenza di migliaia di prigionieri politici. Quali sono state per lei le conseguenze di questa presa di posizione?

Sì, ci sono migliaia di prigionieri politici nelle carceri turche. Se siete dissidenti, il governo turco potrebbe definirvi “terroristi” senza alcuna prova concreta. Potreste passare anni in carcere, subendo abusi e persino torture per essere un “terrorista” o per altri reati politici come “insultare il presidente”. Ho scritto molto su questo tema, poiché gli arresti arbitrari e la tortura dei prigionieri politici sono una delle principali violazioni dei diritti umani in Turchia, il che dimostra anche la natura dittatoriale del governo.

Ho iniziato a lavorare nel 2013 come giornalista mentre ero ad Ankara. Ho lasciato la Turchia di mia spontanea volontà circa 8 anni fa per lavorare all'estero. Anche all'epoca c'era una certa pressione sui giornalisti dissidenti in Turchia, ma non sono mai stato perseguitato o arrestato. Quindi la mia situazione di esilio è autoimposta. Non sono fuggito né sono stato costretto a lasciare la Turchia. Ma se fossi rimasto, non sarei stato in grado di scrivere le cose che faccio ora. Probabilmente avrei dovuto abbandonare il giornalismo o essere imprigionato. Quindi il mio amore per la scrittura e il giornalismo ha avuto la meglio su tutto il resto. Dopo aver lasciato la Turchia, ho vissuto negli Stati Uniti e poi in Israele. Attualmente vivo in Grecia. A causa dei miei scritti, sono stata presa di mira dalla stampa turca e da alcuni diplomatici turchi. Spesso ricevo minacce sui social media. La conseguenza più grave del mio lavoro giornalistico è che negli ultimi 8 anni non ho potuto visitare la Turchia. Mi manca molto il mio luogo di nascita.

Negli ultimi anni c'è stata una chiara tendenza all', come la decisione di convertire la Cattedrale di Santa Sofia in una moschea. Questo è il caso più noto, ma credo che ce ne siano molti altri.

L'abuso delle chiese da parte dei turchi ha una lunga storia. Durante il periodo dell'Impero Ottomano, dopo che le principali città erano state invase e conquistate dai turchi, la chiesa più grande di quelle città veniva trasformata in una “moschea di conquista”. Questo per dimostrare la dominazione islamica e la sua supremazia ai kafir (infedeli) cristiani. Ma la distruzione o l'abuso delle chiese culminò durante e dopo il genocidio cristiano nella Turchia ottomana, che prese di mira armeni, assiri e greci. Secondo le ricerche dei professori di storia Benny Morris e Dror Ze'evi, dal 1894 al 1924 “circa 4 milioni di cristiani furono uccisi o rimossi con la forza dalla Turchia e dai territori adiacenti della Tracia orientale, di Urmia e del Caucaso meridionale”. 

Da allora, innumerevoli chiese sono state distrutte o convertite in altri scopi, come moschee o stalle. Molte sono anche prese di mira dai cacciatori di tesori. Tutto ciò è in gran parte causato dalla supremazia islamica contro i non musulmani e dal loro desiderio di spazzare via tutto ciò che appartiene ai non musulmani. Oggi i cristiani rappresentano solo lo 0,1% dell'intera popolazione turca.

Un esempio molto recente è il nord di Cipro, dove le autorità turche stanno progettando di convertire un monastero storico in una moschea.

Dal 1974, la Turchia ha occupato illegalmente il 36% della parte settentrionale della Repubblica di Cipro, membro dell'UE. Durante questo periodo, centinaia di chiese, cappelle e monasteri nell'area occupata sono stati saccheggiati, vandalizzati e, in alcuni casi, demoliti. Molte chiese sono state trasformate, tra l'altro, in moschee, depositi per l'esercito turco, depositi di bestiame o fienili. Molti cimiteri cristiani e un cimitero ebraico nell'area occupata furono demoliti.  Molti reperti culturali, provenienti da chiese e altri siti, sono stati trafugati da Cipro dagli invasori e contrabbandati all'estero. Negli ultimi 49 anni, la Turchia e il suo regime illegale nell'area occupata di Cipro hanno ampiamente distrutto il patrimonio culturale e religioso greco dell'area occupata.

Oggi il nord occupato è a maggioranza turca perché la Turchia ha modificato con la forza la struttura demografica. Le truppe turche hanno commesso molti crimini come omicidi, stupri di bambini e donne, arresti illegali e torture, sparizioni forzate e confische illegali di proprietà e terreni, tra gli altri. I greci e gli altri ciprioti cristiani sono stati espulsi con la forza dalla regione durante l'invasione militare del 1974, sostituiti da coloni illegali provenienti dalla Turchia.  Se posso fare un'analogia, questo sarebbe simile ai musulmani che invadono militarmente la Spagna ancora una volta e ristabiliscono Al-Andalus sulle terre sovrane della Spagna dopo aver espulso gli spagnoli.

Un altro dei pilastri fondamentali della politica di Erdogan è il suo interventismo. Lei lo definisce neo-ottomanismo. Perché?

Il neo-ottomanismo è un'ideologia turca irredentista e imperialista che mira a far rivivere il più possibile il defunto Impero Ottomano. L'Impero Ottomano ha invaso e conquistato terre in Europa, Asia e Africa. Pertanto, l'ideologia neo-ottomana della Turchia interessa vasti territori ed è evidente nella sua politica estera.

La politica turca nei confronti di quasi tutti i suoi vicini è aggressiva. Le forze armate turche occupano illegalmente parti di Cipro e della Siria. Con il pretesto di “combattere il terrorismo del PKK”, bombardano regolarmente l'Iraq, comprese le terre degli yazidi e degli assiri perseguitati. Anche la guerra del 2020 dell'Azerbaigian contro gli armeni dell'Artsakh e il blocco in corso sono stati sostenuti dalla Turchia. La Turchia viola spesso lo spazio aereo e le acque territoriali greche e minaccia di invadere le isole greche nel Mar Egeo. C'è anche il coinvolgimento e la cooperazione della Turchia con i gruppi terroristici jihadisti. Da diversi anni il governo turco sostiene i jihadisti di altre nazioni. Tra questi, l'ISIS, Hamas, i gruppi affiliati ad Al-Qaeda in Siria, i Fratelli Musulmani e i Talebani. Le visioni e le attività panislamiste e neo-ottomane della Turchia causano quindi instabilità, morti e distruzione nella regione.

Lei ha menzionato il sostegno della Turchia all'Azerbaigian nella sua guerra contro l'Armenia. Gli azeri hanno saltato gli accordi di pace e da luglio mantengono un blocco sul Nagorno-Karabakh. Si comincia a parlare di carestia e genocidio. Cosa sta succedendo nel Nagorno-Karabakh?

Dal dicembre 2022, per oltre 8 mesi, gli armeni autoctoni della Repubblica di Artsakh (Nagorno-Karabakh), nel Caucaso meridionale, sono stati sottoposti a un assedio da parte del governo dell'Azerbaigian, che ha causato fame e angoscia mentale a 120.000 armeni che vivono nella regione. L'Azerbaigian ha bloccato l'unica strada che collega l'Artsakh al mondo esterno. Attualmente, quindi, gli armeni dell'Artsakh sono assediati nella loro stessa terra, quasi senza cibo, medicine o carburante.  Secondo l'Ufficio del difensore dei diritti umani dell'Artsakh, anche le scorte di pane si stanno esaurendo e, tra qualche settimana, non ci sarà più cibo.

Attraverso questo blocco, l'Azerbaigian mira a conquistare la regione costringendo gli armeni a fuggire dalla loro terra natale. Ma l'Artsakh è veramente armeno. La storia dell'Artsakh come entità armena risale all'incirca al VI secolo a.C. La prima scuola armena in assoluto, il monastero di Amaras, fu fondata in Artsakh. Negli anni '20, il dittatore sovietico Stalin concesse l'Artsakh all'Azerbaigian sovietico come oblast' autonomo, nell'ambito della sua strategia “divide et impera”. Ma l'Artsakh non ha mai fatto parte dell'Azerbaigian indipendente. È sempre stato parte integrante dell'Armenia. Il 10 dicembre 1991, pochi giorni prima del crollo ufficiale dell'Unione Sovietica, l'Artsakh ha tenuto un in cui la stragrande maggioranza della popolazione (99,89%) ha votato a favore dell'indipendenza.  Nel 1991, quindi, durante la dissoluzione dell'Unione Sovietica, vennero dichiarate due repubbliche indipendenti e giuridicamente uguali, l'Azerbaigian e l'Artsakh.

Luis Moreno Ocampo, procuratore fondatore della Corte penale internazionale (CPI), ha definito il blocco azero in corso contro Artsakh “un genocidio”. Quindi, tutta questa violenza genocida ha luogo a causa dell'odio ossessivo dell'Azerbaigian nei confronti degli armeni e del suo desiderio regressivo di conquistare le terre armene. Attualmente, l'Artsakh è l'unico luogo al mondo assediato da un governo ostile e non ha accesso al mondo esterno. La popolazione sta letteralmente morendo di fame.

Perché l'assordante silenzio internazionale su questo tema? È per il gas e il petrolio dell'Azerbaigian o anche per l'influenza della Turchia in Occidente?

Entrambi giocano un ruolo importante, ma non dovrebbero. Stiamo assistendo a un genocidio in tempo reale. L'Azerbaigian è una dittatura assassina e la comunità internazionale dovrebbe prendere la posizione necessaria contro il regime azero. Questa presa di posizione includerebbe che i governi statunitense ed europeo sanzionino i leader politici azeri, inviino urgentemente aiuti umanitari all'Artsakh e riconoscano ufficialmente l'Artsakh per prevenire futuri crimini da parte dell'Azerbaigian e della Turchia.

Per quanto riguarda l'influenza turca in Europa, che ruolo pensa che abbiano il controllo dell' e i finanziamenti dei Fratelli Musulmani in molti Paesi europei?

L'immigrazione islamica di massa è uno dei principali problemi che l'Europa deve affrontare attualmente, insieme al calo delle nascite degli europei. In realtà, anche l'Europa ha una lunga storia di invasione islamica. Ma l'immigrazione di massa, soprattutto di musulmani, è stata, ed è tuttora, parte di un'ideologia espansionistica spinta dai democratici statunitensi e dall'esecutivo dell'UE. L'idea alla base sembra essere quella di utilizzare l'immigrazione musulmana, soprattutto in Europa, come una sorta di catalizzatore sociale per creare un “falso conformismo”, per eliminare gradualmente le nazioni e la vera ricchezza dell'Europa: la sua diversità culturale.

A quanto pare, l'esecutivo dell'UE vuole federare l'Europa. Sembra pensare che l' possa aiutare notevolmente a raggiungere questo obiettivo. Potrebbe anche credere ingenuamente che condividano lo stesso obiettivo espansionistico. Ma sta alimentando il coccodrillo.

Si pensi, ad esempio, al caso della Turchia. In molti Paesi europei, l'etnia turca ha votato in modo schiacciante per il presidente turco Recep Tayyip Erdogan alle ultime elezioni presidenziali. I neonazisti turco-suprematisti, noti anche come Lupi Grigi, sono diventati una forza politica in Europa. Nel 2020, il ministro dell'Interno francese Gerard Darmanin ha annunciato su Twitter che il gruppo è stato bandito in Francia. “Incita alla discriminazione e all'odio ed è coinvolto in azioni violente”, ha scritto. L'annuncio è arrivato dopo che un monumento al genocidio armeno del 1915 fuori dalla città di Lione è stato deturpato con graffiti gialli e slogan pro-turchi. I Lupi grigi sono responsabili di molti atti di violenza, tra cui il tentato omicidio di Papa Giovanni Paolo II nel 1981. Ma sono ancora ben organizzati in molte parti d'Europa, soprattutto in Germania e in Austria.  Lo stesso vale per i Fratelli Musulmani, che mirano a stabilire uno Stato della sharia su scala globale. La domanda è: perché le nazioni europee permettono a queste organizzazioni ostili di operare sul suolo europeo?

Il caso del blocco non è purtroppo l'unico in cui i media mainstream rimangono indifferenti, la brutale persecuzione dei cristiani in Pakistan o i soliti massacri in Africa passano quasi inosservati. Perché accade questo?

Sembra che individui, organizzazioni e governi abbiano motivazioni diverse per negare la persecuzione dei cristiani. La paura degli islamisti è solo uno dei fattori. Purtroppo, molti hanno paura che, se parlano sinceramente della jihad e delle sue radici teologiche, saranno presi di mira dai jihadisti. La correttezza politica è un altro fattore. È più facile e più conveniente usare le parole al vento e “essere sicuri” senza “offendere” i sentimenti di nessuno. Un altro fattore è l'avarizia, quando giornalisti e politici sono compromessi da accordi finanziari che limitano l'integrità o determinano il contenuto dei loro servizi. Sembra anche che molte persone in posizioni di potere pensino che, facendo lo struzzo, la minaccia o il problema della jihad o dell'oppressione dei non musulmani da parte della Sharia spariranno.

Anche le visioni del mondo fuorvianti giocano un fattore in questa negazione.  Credo che molte persone – nei governi e nei media – siano accecate da false opinioni sul mondo. Credono che tutte le religioni siano fondamentalmente uguali, che l'Islam sia una religione di pace, o che “l'imperialismo occidentale o il colonialismo europeo” causino la violenza o il contraccolpo dei musulmani in Medio Oriente, Africa e Asia, ecc. Non sembrano capire il potere della fede e come la religione influenzi il modo di pensare e di agire. O non capiscono l'Islam o negano i suoi insegnamenti. Ma non si tratta di scienza missilistica: Date le sue scritture e la sua storia globale, si può vedere che l'Islam ha perseguitato tutte le altre religioni.

La negazione è il cuore del problema. Tuttavia, la negazione non ha alcun impatto sulla verità. E la verità è che i cristiani sono oggi la comunità più perseguitata dai musulmani. L'islamizzazione minaccia la diversità culturale e intellettuale dell'umanità. È una questione seria. Non può essere ignorata. È in gioco il futuro dell'Europa e della cristianità nel mondo.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

1 commento

0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

1
0
Would love your thoughts, please comment.x