“La forza politica che fermerà la follia neomarxista viene da Bucarest”: Intervista con George Simion.

Pubblichiamo l'intervista – tradotta in italiano – a George Simion, pubblicata su Deliberatio a cura di José Papparelli.

George Simion è un economista e storico che conosce bene i crimini del comunismo. È membro della Camera dei Deputati rumena, presidente e fondatore del partito AUR (Alianța pentru Unirea Românilor – Alleanza per l'Unione dei Romeni), che oggi si batte per la leadership nelle elezioni presidenziali ed europee del 2024.

Dalla caduta del comunismo nel 1989, i cittadini del vostro Paese hanno fatto progressi graduali nella costruzione di una società libera e democratica. Tuttavia, i partiti tradizionali non sono riusciti a porre fine a un problema così grave come la corruzione, che colpisce, tra l'altro, la classe più bassa. Oggi il suo partito ha l'opportunità di diventare la principale forza , sia alle elezioni europee sia alle elezioni politiche del prossimo anno. Quali sono le vostre priorità e i modi per cambiare la situazione in Romania?

George Simion: La Romania di oggi è uno Stato prigioniero, uno Stato strangolato dai suoi due partiti principali, i socialdemocratici e i liberali, che l'hanno portata sull'orlo dell'abisso. Abbiamo urgentemente bisogno di una trasformazione radicale e fondamentale. Il nostro partito, l'Alleanza per l'Unione dei Romeni (AUR), che abbiamo fondato meno di 4 anni fa e che detiene il 10% dei seggi nel Parlamento rumeno, è attualmente l'unica vera forza di opposizione.

Qualche mese fa, abbiamo lanciato un programma di governo chiamato “Ricostruire la Romania”. Ad oggi, siamo l'unico partito che ha “osato” annunciare una serie di misure e iniziative attraverso le quali cambieremo la Romania in meglio. Vorrei citare alcuni dei 15 punti del nostro Programma: “Sfruttare le risorse naturali e le aziende strategiche”; “Garantire la sicurezza energetica e reindustrializzare la Romania”; “Made in Romania”; “Affrontare il declino demografico – incoraggiare la e la famiglia”; “Far rivivere il villaggio rumeno e la famiglia contadina”; “Proteggere la nostra e il nostro naturale”.

Il nostro impegno è che il governo dell'AUR ricostruisca la Romania e porti lo standard di vita al livello medio dell'Unione Europea. I romeni non sono affatto inferiori agli altri cittadini degli Stati membri e non meritano di essere trattati in modo diverso. Inoltre, l'ostinazione e la virulenza con cui l'Austria si rifiuta di accettarci nell'area Schengen non ha alcuna giustificazione.

Lei ha parlato di Schengen. In che misura l'adesione della Romania all'area senza frontiere migliorerebbe la situazione economica?

George Simion: La Romania è legalmente vincolata a far parte di Schengen dal Trattato di adesione che ha firmato nel 2005. Inoltre, da molti anni il nostro Paese soddisfa tutti i criteri tecnici. Come sapete, per l'adesione a Schengen è necessaria l'unanimità. Oggi ci troviamo nella spiacevole situazione di essere bloccati alla porta di Schengen dall'Austria, che fa disinformazione e adduce false motivazioni contro Romania e Bulgaria.

Naturalmente, la nostra adesione comporterebbe notevoli vantaggi economici. Innanzitutto, l'abolizione dei controlli alle frontiere comporterà una notevole riduzione dei tempi di viaggio, sia per gli operatori che trasportano merci varie sia per i turisti. È noto che oggi i trasportatori attendono decine di ore alle frontiere, causando i più gravi problemi in termini di approvvigionamento o di produzione. La Romania al di fuori dell'area Schengen è meno integrata in un'Unione in cui siamo presenti da oltre 16 anni. È inaccettabile e un grave insulto alla Romania il fatto che l'Austria continui a esprimere la sua opposizione alla nostra adesione.

Torniamo alla scena politica rumena. Ci sono attualmente altre forze politiche rumene con cui l'AUR può trovare un accordo per costruire una Romania più prospera, pacifica e libera?

George Simion: Fin dall'inizio abbiamo detto che l'AUR si alleerà solo con il popolo rumeno. E manterremo la nostra parola! Siamo pronti a formare il governo nel 2024. Questo è ciò che abbiamo promesso ai rumeni e questo è ciò che dobbiamo fare.

Quanto al Partito socialdemocratico e al Partito nazional-liberale, che hanno governato il nostro Paese, separatamente o insieme, negli ultimi trent'anni, sono proprio loro ad aver portato la Romania al disastro economico e sociale in cui ci troviamo. Questi due partiti hanno le loro colpe, forse non le uniche, ma di certo sono i principali responsabili della situazione attuale.

Per ricostruire la Romania, l'AUR ha bisogno del maggior numero possibile di voti dei romeni che vivono nel nostro Paese e all'estero. Guardiamo a ciò che è successo in Ungheria e al successo che Fidesz ha ottenuto alle ultime elezioni parlamentari – un vero modello in termini di trasformazione di un Paese su base sovranista e conservatrice.

A proposito di Ungheria, il mese scorso il Presidente della Romania ha fatto visita a Budapest. Come commenta la visita?

George Simion: Il mio Paese ha avuto la sfortuna – termine che il nostro stesso capo di Stato ha usato in un contesto del tutto infelice e imbarazzante per lui – di essere guidato da Klaus Iohannis dal 2014. Quest'uomo si è “guadagnato” un'enorme mancanza di rispetto a livello internazionale. L'esempio più recente è la sua visita alla capitale dell'Ungheria. Nel giorno in cui il Presidente della Romania era in visita ufficiale a Budapest, il Primo Ministro Orban, il vero leader dell'Ungheria, ha organizzato un viaggio all'estero nel modo più conveniente. Questa è la considerazione che i leader mondiali hanno per Klaus Iohannis. Il 2024 sarà anche l'anno in cui il presidente più mediocre della storia della Romania terminerà il suo secondo e ultimo mandato.

Prima ha parlato dei romeni che vivono al di fuori dei confini nazionali. Per ottenere un buon risultato elettorale e realizzare il suo programma politico, è molto importante attrarre la numerosa “diaspora romena”, così come le minoranze etniche e persino religiose del suo Paese. Cosa propone l'AUR per farli entrare nel progetto politico?  

George Simion: È vero: abbiamo, e non mi fa piacere ammetterlo, una diaspora molto ampia. Più di sei milioni di cittadini rumeni vivono fuori dalla Romania. Potremmo dire, senza esagerare, che una seconda Romania è al di fuori della Romania. Le ragioni per cui l'emigrazione romena è così numerosa sono molteplici, ma la più importante è quella economica. La causa di questo fenomeno è, innanzitutto, la differenza tra il tenore di vita e il reddito rispetto ai Paesi dell' occidentale, una realtà che l'AUR ha la responsabilità di cambiare.

Una delle nostre politiche più importanti sarà quella di ridurre l'esodo e accelerare il rimpatrio dei rumeni, rendendo più facile per loro avere una vita migliore in patria. Come vi ho detto prima, il nostro obiettivo è quello di portare il tenore di vita almeno alla media dell'UE. Per aiutarli a tornare a casa, i rumeni hanno bisogno di prevedibilità, sicurezza e redditi migliori. Questo è ciò che dovremo fare.

In effetti, abbiamo fortemente bisogno del sostegno dei rumeni di tutto il mondo. Ciò che è molto incoraggiante per noi è che l'AUR è visto come l'unica alternativa e la speranza di tutti. L'AUR è il partito dei rumeni, ovunque essi siano.

Avete anche menzionato le minoranze che vivono in Romania. Crediamo che lo Stato abbia l'obbligo di garantire la protezione e il rispetto dell'identità culturale, etnica e linguistica di ognuno.  Sosteniamo inequivocabilmente i diritti costituzionali e legittimi di ogni persona appartenente a minoranze nazionali. Non è un caso che tra i nostri membri ci siano molti colleghi di etnia diversa da quella rumena. Siamo felici di averli tra noi e accoglieremo tutti coloro che condividono i nostri valori e ideali. 

Una nuova Romania, quella che AUR vuole e costruirà, ha bisogno di tutti.

Parlando di romeni all'estero, il riavvicinamento con la Moldavia è un altro dei vostri obiettivi politici. Quali passi sono stati fatti in questa direzione e da cosa dipendono l'intesa e i progressi con la Moldavia nella costruzione comune del futuro di entrambi i popoli?

George Simion: L'unico futuro comune per la Romania e la Repubblica di Moldova è la riunificazione. Una Grande Romania di nuovo in un'Unione Europea di Stati sovrani che cooperano economicamente. Questo è il nostro principale obiettivo politico e storico.

Nel 1940, a seguito del famigerato patto firmato dai ministri degli della Germania nazista e della Russia stalinista, il popolo rumeno è stato diviso, una realtà dolorosa a cui abbiamo l'obbligo di porre fine e di riunire la nostra nazione. Il confine tra la Romania e la Repubblica di Moldova è lungo oltre 680 km, una demarcazione ingiusta che non sarebbe mai dovuta esistere. Quando la Moldavia al di là del fiume Prut tornerà al suo posto, cioè all'interno dei confini della Romania, avremo realizzato un ideale esistenziale. La Romania è la patria dei romeni su entrambe le sponde del Prut. 

In concreto, per garantire che l'effettiva riunificazione avvenga nel modo più semplice e coerente possibile, svilupperemo politiche per unificare tutto, dalle infrastrutture di trasporto al sistema sanitario ed educativo, ai servizi e così via.

Ricordiamo che, qualche mese fa, il Parlamento di Chisinau ha votato un progetto per cui il romeno è stato dichiarato lingua ufficiale. Anche se si trattava, di fatto, di applicare una sentenza emessa dalla Corte costituzionale nel 2013, è stato un vero e proprio atto di giustizia e di riparazione storica.

Vi dirò di più. Oggi quasi la metà della popolazione moldava ha anche la cittadinanza rumena. La Repubblica di Moldova è un caso unico in Europa. Tra tutti i vicini esterni dell'UE, la Moldova ha la più alta percentuale di cittadini di uno Stato membro, che è, ovviamente, la Romania. Probabilmente, tra meno di un anno, i cittadini rumeni – e quindi europei – della Repubblica di Moldova diventeranno la maggioranza.

In sintesi, il futuro di Bucarest e Chisinau può essere solo un futuro comune. I romeni di entrambe le sponde del fiume Prut hanno il diritto all'unità nazionale.

La riunificazione della Romania con la Moldavia può essere una condizione per la stabilità in questa parte d'Europa?

George Simion: Assolutamente sì. Dobbiamo rovesciare questa divisione arbitraria dettata da due dei più grandi tiranni della storia, Hitler e Stalin, e contribuire, attraverso la nostra riunificazione come nazione, a garantire l'equilibrio geopolitico e la stabilità nell'Europa sudorientale.

Una forza autenticamente nazionale come l'AUR può creare le condizioni per un tale sforzo storico.

L'AUR è un partito patriottico, che condivide valori conservatori come “Famiglia, Nazione, Fede e Libertà”. Di recente abbiamo visto il sostegno ricevuto da molti europarlamentari, sia del gruppo Identità e Democrazia (ID) che del gruppo Conservatori e Riformisti Europei (ECR). Le prossime elezioni europee saranno cruciali per definire la direzione dell'Unione europea. Cosa proporrà l'AUR per costruire un blocco alternativo nell'UE, tenendo conto delle “famiglie politiche” conservatrici e identitarie?

George Simion: Non ne abbiamo fatto mistero: abbiamo ottimi rapporti sia con i rappresentanti dell'ECR che con quelli dell'ID. Abbiamo sempre discusso e siamo stati aperti al dialogo con tutti coloro che difendono e perseguono la nostra stessa causa.  

Il nostro interesse principale è che dal giugno 2024 ci uniremo alle forze sovraniste che avranno un peso significativo nel prossimo Parlamento. Alcuni dicono che l'unità a livello europeo è un obiettivo irraggiungibile. È vero, ci sono alcune questioni delicate che complicano tale impresa.

D'altra parte, ci troviamo in una situazione che non ci offre molte opzioni. Crediamo che in una guerra di questo tipo – una guerra culturale, se volete – solo l'alleanza più ampia possibile possa avere successo di fronte a un nemico di così grande capacità come il globalismo con tutte le sue ramificazioni. In un simile contesto, ciò che deve prevalere, dal nostro punto di vista, sarà fare tutto ciò che è in nostro potere, nel Parlamento europeo e ovunque, per impedire che la follia neomarxista prenda il controllo totale dell'Europa. Altrimenti, rischiamo di perdere la nostra libertà e tutto ciò che definisce la nostra stessa esistenza.

La mappa geopolitica dell'Europa orientale è stata complicata dall'invasione dell'Ucraina da parte della Russia. Ci sono anche dispute storiche tra le varie nazioni della regione, ancora irrisolte, che rendono difficile raggiungere un accordo su questioni che non dovrebbero esserci, come la dell'identità europea e occidentale, la famiglia, la sovranità nazionale e l'opposizione a politiche “guidate”, al fanatismo climatico e ad altre questioni che riguardano le libertà delle persone. Qual è la sua visione per risolvere questi problemi?

George Simion: Come ho già detto, dobbiamo cercare tutti i modi e le opzioni possibili per lavorare insieme e concordare una strategia comune. Il nemico ha molte facce. Che si tratti dell'agenda del Green Deal che minaccia la nostra sicurezza energetica, dell'isteria del cambiamento climatico, dell'ideologia gender o delle assurdità woke, tutte queste minacce al nostro stile di vita tradizionale ci impongono di reagire e combattere.

Per difendere i nostri diritti e le nostre libertà e per preservare la nostra identità e sovranità nazionale, dovremo vincere questa guerra difficilissima. Non si tratta solo di noi, ma soprattutto delle generazioni future e della conservazione di un patrimonio esistenziale.

Prima di concludere, ci dica come vede l'esito delle elezioni europee del giugno 2024 per quanto riguarda il partito AUR. Cosa succederà dopo il 9 giugno 2024 in termini di forze conservatrici a Bruxelles?

George Simion: Come lei ha detto, le prossime elezioni del Parlamento europeo sono estremamente importanti. Oggi siamo in grado di vincere queste elezioni e faremo di tutto per raggiungere questo obiettivo. Nel prossimo futuro si uniranno a noi figure pubbliche molto importanti.

Ci aspettiamo di ottenere almeno 10-12 seggi di europarlamentare, sui 33 totali a cui la Romania ha diritto. Dobbiamo inviare un segnale forte. I rumeni sono stanchi di vedere solo politici senza spina dorsale al Parlamento europeo. Vogliono patrioti che lottino con forza per la loro nazione e che difendano quei valori per cui vale la pena sacrificarsi.

Il giugno 2024 sarà un momento decisivo non solo per la Romania, ma anche per gli altri Stati membri. Le aspettative sono molto alte. Solo gli sforzi congiunti nel prossimo Parlamento europeo ci daranno la forza necessaria per annientare il pericolo del progressismo. Credo fermamente in una nuova Unione europea, con un padre e una madre, non un “genitore 1” e un “genitore 2”, un'Unione europea in cui cooperiamo da pari a pari e siamo noi a prendere le decisioni per noi stessi.

D'altra parte, però, questa elezione deve essere una tappa fondamentale, perché è solo la prima di un ciclo elettorale molto ampio – tutte e quattro le tornate elettorali che si terranno l'anno prossimo in Romania. Non credo che nessuno sia sorpreso dalla nostra ascesa, perché siamo l'unico partito responsabile che lavora giorno e notte per i romeni.

Allo stesso tempo, ammetto che non puntiamo a vincere le elezioni locali, ma dobbiamo avere successo nelle elezioni parlamentari e, naturalmente, in quelle presidenziali. Solo se l'AUR fornirà il prossimo presidente rumeno potremo cambiare questo governo irresponsabile e invertire quelle decisioni che hanno portato la Romania sull'orlo del baratro e l'hanno trasformata in uno zimbello sulla scena internazionale.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x