La Germania si è innamorata di Putin per i propri interessi. Ora può accadere con la Cina.

Christoph B. Schiltz, giornalista del Die Welt, esperto di affari esteri, traccia un quadro impietoso della Germania della Merkel e della sua strategia economica filo-putiniana. Il cancelliere Olaf Scholz vuole ampliare le relazioni economiche con la Cina. Così facendo, commette un errore fatale. La politica pro-russa di Angela Merkel ha dimostrato che il principio del "cambiamento attraverso il commercio" è fallito. Deve essere un avvertimento al Cancelliere.

Molto più importante della visita del presidente francese Emmanuel Macron a Berlino, dove Germania e Francia hanno annunciato la folle idea di una “convenzione costituzionale” europea in cui l’UE dovrebbe ancora una volta automedicarsi, è stata la videochiamata del cancelliere Olaf Scholz con il presidente cinese lunedì Xi Jinping .

Si sapeva poco di questo: secondo un portavoce del governo, oltre alla sicurezza energetica e all’approvvigionamento alimentare globale, l’obiettivo era anche l’approfondimento delle relazioni bilaterali e della cooperazione economica. Ciò vuol dire – insieme ad altre indicazioni nel recente passato – che la nuova coalizione semaforica vuole essenzialmente attenersi alla politica cinese della grande coalizione guidata dall’ex cancelliera Angela Merkel.

Spiega Schiltz sul Welt.

Scholz non deve ripetere gli errori storici della Merkel, puntualizza il giornalista tedesco. Il mantra ossessivo della Merkel del “dialogo” con gli autocrati, che in realtà significava guardare dall’altra parte, mentre si realizzava la politica degli interessi tedeschi – in parte a spese dei partner europei – e la sua convinzione intransigente e ingenua nel paradigma del “cambiamento attraverso il commercio” sono fallite retrospettivamente.

Si doveva saperlo in anticipo. Da anni ci sono abbastanza allarmi sugli sviluppi in Russia e da tutte le parti, dagli Stati Uniti, dall’Europa centrale e orientale. “La Germania ha sempre voluto saperne di più”, ha detto di recente con amarezza il vice primo ministro polacco Jaroslaw Kaczynski in un’intervista a WELT AM SONNTAG.

Al più tardi dal discorso di Putin alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco nel 2007, era ovvio che la NATO fosse il suo nemico e che quell’uomo volesse dettare nuovamente l’ordine di sicurezza in Europa. Il discorso è stato una cesura. Poi sono arrivate le incursioni russe in Georgia (2008) e Ucraina (2014).

 

La sicurezza europea distrutta mentre la Germania insisteva nel “cambiamento attraverso il commercio”

Per dirla senza mezzi termini: il principio del “cambiamento attraverso il commercio” può certamente essere una massima politica sensata, anche se raramente ha avuto successo nella pratica. Ma questo principio non deve diventare fine a se stesso: quando è diventato evidente nel caso della Russia che, nonostante una rapida intensificazione dei flussi commerciali tra Germania e Russia, la situazione politica si era drammaticamente deteriorata, i cambiamenti politici ed economici avrebbero dovuto essere attuati presto. Ora il vecchio ordine di sicurezza europeo è stato distrutto.

“Cambiamento attraverso il commercio” – questo errore non deve ripetersi nel caso della Cina. Invece di sognare una “convenzione costituzionale” tecnocratica che rischia di esacerbare i conflitti all’interno dell’Unione, Berlino e Parigi dovrebbero riadattare completamente la loro politica cinese. A partire dal governo federale, che durante la Presidenza tedesca del Consiglio dell’UE ha spinto all’ultimo minuto tra Natale e Capodanno 2020 un accordo di investimento molto controverso, non deve mai più accadere.

Germania e Francia dovrebbero anche smettere di espandere le loro relazioni bilaterali con la Cina e snobbare gli Stati più piccoli dell’UE nel processo: a causa del loro potere economico insufficiente, questi partner più piccoli dell’UE non hanno alcuna possibilità di essere presi sul serio da Pechino a livello bilaterale e temono di essere lasciati indietro. Molti paesi dell’UE come la Grecia o l’Ungheria hanno quindi cercato la loro salvezza aderendo alla ” Silk Road Initiative ” ( Belt and Road Initiative ), un grande progetto di infrastrutture di trasporto a Pechino il cui obiettivo è una riorganizzazione spaziale della politica mondiale nell’interesse della Cina.

Questo a sua volta indebolisce l’Unione Europea, ma questa debolezza è anche il risultato della politica egoistica franco-tedesca con la Cina. Invece di Berlino e Parigi, Bruxelles dovrebbe consultare Pechino e negoziare con la Cina nell’interesse di tutti i 27 Stati membri.

Leo Valerio Paggi
Leo Valerio Paggi
Leo Valerio Paggi per La Voce del Patriota.

5 Commenti

  1. Noi non siamo nemici di nessuno, tanto meno di chi può fornirci le materie (carburanti, gas, grano, mais, ecc) che noi non abbiamo a causa dei 60 anni di governi di CSX e della politica dell’EU che ci hanno costretto a ridurre le terre coltivabili e rinunciare ad estrarre petrolio e gas dal ns sottosuolo. Noi siamo una NAZIONE e tale vogliamo continuare ad essere. L’ITALIA amica di tutti e l’ITALIA SUBITO NEUTRALE!!!!!!!!!!!!!!

  2. Amica di tutti? Neutrale? Cioè Italia Arlecchino o Pulcinella serva di due padroni? E che prenderà bastonate da entrambi….
    Noi siamo Occidente e stiamo nella NATO, se lo annoti. I rapporti commerciali devono sempre tenere conto di questo. Difatti per i rapporti commerciali abbiamo lasciato che la dipendenza energetica da un antagonista geopolitico storico del nostro maggiore e indispensabile Alleato arrivasse al livello del ricattatorio. Le materie prime e l’energia non le ha solo la Russia ed in ogni caso proprio per garantirsi stabilità di flussi e prezzi e non dover sottostare a ricatti che poi indeboliscono anche l’Alleanza della quale facciamo parte avremmo dovuto diversificare il più possibile i mercati di approvigionamento.
    Tema neutralità: ma lei è un altro di quelli che pensa che l’Italia sia come il Costarica?

  3. In questa situazione,soprattutto oggi,NON SONO LE NAZIONI,I POPOLI A CONTRAPPORSI,anzi!!:ABBIAMO GOVERNANTI IN MAGGIORANZA SUBORDINATI ED ATTIVISTI DI UNA LOBBIE GLOBALIZZATA DI IMPERIALISTI FINANZIARI ED ECONOMICI.Quindi le alleanze o le guerre sono scelte LORO.Fatte per interessi corporativi che vogliono far ricadere (e vengono pagate,purtroppo) dai popoli.
    Il Popolo Russo,geograficamente e culturalmente è assai più vicino all’Europa di quello Americano o asiatico.CI sarebbe anche da guardare attentamente al dominio che organizzazzioni mondiali(quasi tutte dominate da USA) esercitano sulla UE (e quindi sulle Nazioni Europee).NATO,ONU,OCSE,OMS..ecc Le loro scelte non sono limpidissime e senza interessi politici ed economici DI PARTE….Come dimostrato nella recente pandemia…..

  4. Le idee espresse da questo giornalista sono assurde
    In pratica si afferma che la Merkel avrebbe sbagliato nel coltivare rapporti commerciali con la Russia quando invece (prima del volta faccia) era l’unica cosa buona che aveva fatto; poi sempre questo zelante giornalistucolo arriva a dire che l’Europa non dovrebbe avere rapporti bilaterali con la Cina
    E con chi dovrebbe averli allora ? sempre e solo con gli Stati Uniti ? ma conviene?
    Al giorno d’oggi c’è della gente veramente malata e non sanno di esserlo
    Ho letto un bel libro ultimamente: si intitola “la Cappa”
    comincio a pensare che ciò che viene affermato in questo libro sia vero
    Alla gente è stato fatto il lavaggio del cervello
    però una cosa si può fare: individuarli, ridicolizzarli ed ignorarli

    • confermo che quanto espresso da questo presunto giornalista sia irricevibile, i governati di altri paesi che fanno l’interesse del proprio paese meritano un plauso, magari ne avessimo qui in Italia di personaggi politici che curano l’interesse nazionale, mi auguro che Giorgia quando finalmente sarà a capo del governo sia coerente con quello che sostiene da anni, e faccia l’interesse degli italiani come priorità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,403FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati