Livorno. Torselli e Romiti (FdI): “Città messa a ferro e fuoco da bande di spacciatori stranieri. Lamorgese dimettiti”

“Spranghe, spade coltelli e addirittura una pistola, Livorno come una delle Favelas brasiliane, dove il controllo del territorio per lo spaccio si ottiene con spargimenti di sangue tra bande rivali. La sinistra con le sue politiche di buonismo, permissivismo e accoglienza ha fatto capire a questi personaggi senza scrupoli che a Livorno si può fare ciò che si vuole. Il fallimento della politica immigrazionista della sinistra è ormai evidente e i toscani ne stanno subendo le peggiori conseguenze. Il problema della sicurezza è reale e il Pd deve smettere di avere i paraocchi. Ci chiediamo cosa altro debba accadere prima che il ministro Lamorgese si dimetta. E’ inaccettabile che i clandestini continuino ad arrivare nel nostro Paese e mettano a ferro e fuoco le nostre città mentre il capo del Viminale continua a preoccuparsi del Green Pass. Serve subito il blocco navale!”. Lo dichiarano Francesco Torselli e Andrea Romiti, rispettivamente capogruppo di Fratelli d’Italia nel Consiglio regionale toscano e nel Consiglio comunale di Livorno.

“Il Comune – spiega Romiti – ha speso decine di migliaia di euro nella zona di piazza Garibaldi per progetti inclusivi fallimentari, che hanno avuto il merito solo di ingrassare le casse delle associazioni loro amiche e dell’Arci, non capendo che con i criminali serve fermezza e avere il pugno duro per il rispetto della legge. Quei soldi sarebbero invece stati utili alla Municipale per avere più uomini e mezzi, altre telecamere nelle strade e nelle piazze e per avviare il Controllo di Vicinato”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,174FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati