Lockdown Campania. Anche i Centri Sociali dietro la notte di fuoco a Napoli.

“Tra le diverse anime scese in piazza, oltre a commercianti e ragazzi, anche ultra’ della curva A dello stadio San Paolo, attivisti di Centri Sociali e movimenti come Identita’ insorgenti”.

Lo racconta l’- Agenzia giornalistica , a proposito della manifestazione con scontri di piazza avvenuta ieri sera a Napoli. Le proteste contro il Governatore De Luca e l’annunciato lockdown in Campania, hanno visto anche diversi disordini e fenomeni di teppismo, e iolenza contro le Forze dell’Ordine.

“Questa sera abbiamo assistito a veri e propri comportamenti criminali verso le forze dell’ordine – ha detto il questore di Napoli, Alessandro Giuliano – nessuna condizione di disagio, per quanto umanamente comprensibile, puo’ in alcun modo giustificare la ”.

E anche La Stampa parla di guerriglia notturna a Napoli “infiammata dai centri sociali” .

Pagine e siti web della galassia informativa di sinistra confermano il sostegno alla notte di fuoco napoletana.

“La piazza di questa notte a Napoli forse è stata di pancia, contraddittoria, ambigua, stratificata come la società in cui viviamo, come il suo rovescio. Ma a Napoli stanotte si è rotta l’ipocrisia dietro cui si nasconde l’incapacità di chi ci governa, il fallimento di questo modello economico di fronte al virus, la che per mesi chi è stato lasciato indietro ha dovuto subire.”

Con questo incipit si presenta l’editoriale di Infoaut.org.

Il sito di informazione della sinistra antagonista si schiera a difesa della piazza di Napoli e contro le mediatiche e politiche del che parlano di piazza fascista.

“Come previsto la canea mediatica contro chi è sceso in piazza si è scatenata immediatamente. Ancora non si era abbassato il fumo dei lacrimogeni che già i commentatori politici ipotizzavano eterodirezioni della camorra e dei fascisti, proponevano il solito feticcio degli ultras colpevoli di tutto il male del mondo, associavano le proteste di ieri a quelle No Mask, nonostante il messaggio portato in piazza fosse totalmente diverso.”

Anche Identità Insorgenti scrive post di sostegno alla su e sul suo sito, prendendo le distanze dai fenomeni di verificatisi.

“La violenza di pochi, da condannare a prescindere, non può cancellare le sacrosante rivendicazioni di tanti. E quanto accaduto richiede letture sociali ben più ampie e profonde, che vadano oltre il miope e sempreverde accostamento alla Camorra già servito, in fretta e furia, dalle trasmissioni nazionali.”

Così il sito della sigla vicina all’amministrazione De Magistris.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

18,611FansLike
5,682FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x