Mafia, FdI: “Commissione parlamentare indagherà su fenomeni Prato e Firenze”

Illegalità cinese fra i nuovi compiti dell'Antimafia. Donzelli e La Porta: "Sfruttamento e money transfer trattati come reati di mafia".

“Finalmente, grazie all'impegno di Fratelli d'Italia, la Commissione parlamentare Antimafia si occuperà anche del radicamento della cinese nei territori di Prato e Firenze. Grazie alla fiducia che ci hanno dato gli elettori, nella legge che istituisce l'organismo in approvazione in queste ore alla , abbiamo potuto prevedere che metodi di illegalità che si verificano nei nostri territori siano considerati e trattati come veri e propri reati di mafia”. Lo affermano i deputati toscani di Fratelli d'Italia Giovanni Donzelli e Chiara La Porta.

“In questa legislatura la Commissione potrà così indagare sulla natura delle attività tessili, sullo sfruttamento del e sulla sicurezza, ma anche sulla destinazione dei flussi di denaro, attraverso l'esplicito riferimento ai ‘money transfer': – spiegano i deputati – fenomeni da sempre oggetto delle nostre denunce su capannoni, serre illegali, mercati abusivi e tutta la filiera economica parallela. Fratelli d'Italia aveva chiesto già nelle scorse legislature di inserire questa possibilità, ma la sinistra si era sempre opposta. Una vittoria di cui andiamo orgogliosi ma che ci carica di responsabilità”.

In particolare, secondo quanto prevede il testo di legge che verrà discusso anche al , la Commissione Antimafia dovrà “accertare e valutare la natura e le caratteristiche delle nuove forme di criminalità organizzata […] con particolare riguardo al settore manifatturiero cinese, particolarmente radicato in alcune zone della Toscana tra Prato e Firenze, con attenzione allo sfruttamento del lavoro clandestino e alla sicurezza nei luoghi di produzione; all'esportazione di capitali verso Stati attraverso canali di trasferimento di denaro, regolari o irregolari”.

“Soltanto Prato ci sono circa 6mila imprese cinesi, che da sole costituiscono oltre il 20% del Pil cittadino. Le attività di trasferimento di denaro rappresentano volumi di denaro di miliardi di euro, che ogni anno vengono distratti dal fisco”, aggiungono Donzelli e La Porta. “Fratelli d'Italia – concludono – lavorerà in Parlamento per far sì che per i responsabili delle organizzazioni che compiono questi reati vengano applicate le misure utilizzate per i mafiosi, dal carcere duro, ai sequestri, passando per i benefici per chi si pente e collabora consentendo di risalire alle fonti di illegalità”.

0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x