Maxirissa Garda: FdI, no cittadinanza al grido ‘Africa comanda’

“I fatti di Desenzano e quelli che coinvolgono numerose baby gang in giro per l’Italia, dimostrano che serve una riflessione aggiuntiva sullo ius scholae proposto dalla sinistra. Prima l’integrazione poi la cittadinanza, prima i doveri poi i diritti. Lo Stato italiano riconosce concretamente il diritto all’ e alle cure a tutti in maniera universale. E’ un valore a cui deve corrispondere un processo di integrazione effettiva, solo al termine del quale può eventualmente essere riconosciuta la cittadinanza. Non l’inverso. Invece, con il testo attualmente all’esame, molti di quei minori coinvolti sarebbero cittadini all’urlo “l’Africa comanda” e questo non è accettabile. Il governo ci dica piuttosto cosa sta facendo per l’integrazione effettiva e concreta. Ad oggi gli unici sforzi vengono da scuole e parrocchie, anche nei confronti dei ragazzi mussulmani. E’ un valore anche questo ma non basta affidarsi a questi due perni per dirci che integrazione c è : episodi come quelli a cui assistiamo e le nostre stesse periferie dimostrano esattamente il contrario”.
Così in una nota i deputati di Fratelli d’Italia Augusta Montaruli ed Emanuele Prisco.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,495FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati