Migranti, i campi della vergogna voluti dalla sinistra greca

90 views

Pubblichiamo il reportage esclusivo a cura dei giovani conservatori del DEMYC.

Nea Kavala, Macedonia, dista circa 60 km da Salonicco. Qui in un ex campo di aviazione lontano da villaggi e abitazioni, sorge da tre anni uno degli hot spot migranti più a Nord della Grecia. Il pullman della nostra delegazione DEMYC, composta da rappresentanti dei principali partiti giovanili conservatori e di destra europei,  si ferma davanti l’ingresso : prima delle elezioni ci è stata negata la richiesta di accesso dalle autorità che per anni hanno sistematicamente bloccato l’entrata nei campi migranti a vari giornalisti, volontari e organizzazioni.

Ad accoglierci un cartello in cui campeggia a caratteri cubitali la cifra astronomica di 52.232.500 euro, fondi del governo greco e della Commissione europea elargiti per il solo campo di Nea Kavala. Bastano pochi minuti e veniamo circondati da vari gruppi di migranti, desiderosi di raccontare le loro storie ma soprattutto denunciare le pessime condizioni in cui vivono.

In queste strutture provvisorie, molti dei richiedenti asilo e immigrati risiedono ormai in pianta stabile da anni in condizioni igieniche precarie e con ridottissimo accesso a cure mediche e medicinali, anche per le categorie più vulnerabili come donne incinte e anziani.

Nel campo non vi é sicurezza e nel corso della nostra visita la polizia é intervenuta per sedare una lite con accoltellamento: liti ed episodi di violenza anche armata sono all’ordine del giorno.

E a pagarne le spese sono molto spesso le donne che hanno acconsentito di parlare esclusivamente alla delegazione femminile e dopo varie insistenze ci hanno confessato che non dormono più la notte dalla paura. In particolare le più giovani e le donne sole temono di essere attaccate quando si recano nei bagni, pochi e condivisi con gli uomini. Esperienze analoghe si verificano negli altri hotspot in Grecia, come testimoniato dal reportage dell’emittente tv irlandese RTE presso Moria.

In Grecia risiedono più di 70.000 migranti dal 2015 e il governo Tsipras ha ottenuto fondi dall’Unione Europea pari a 1.6 miliardi di Euro. Sono cifre sbalorditive considerando il degrado e l’insufficienza dei servizi nelle varie aree di ricezione migranti greche. Mentre l’Unione europea tace e continua a elargire denaro a manica larga, il Consiglio d’Europa (organismo non UE) ha presentato in Febbraio un report di accusa sulle condizioni di vita “disumane e degradanti” nei campi greci e il Direttore del programma sui diritti dei rifugiati di Human Rights Watch ha denunciato la voluta strategia di deterrenza del governo, volta a mantenere le condizioni di vita il peggio possibile, nonostante tutti i fondi ricevuti dall’Europa.

A queste gravi accuse il Governo Tsipras ha reagito come solo la sinistra riesce a fare: tacciando di razzismo e xenofobia gli esasperati abitanti greci delle zone dei campi (come nell’isola di Samos dove 4000 migranti vivono in un’area adibita per 648) ed elogiando con grande faccia tosta di fronte alle Nazioni Unite il proprio operato come esempio di solidarietà e umanità verso i migranti.

La buona notizia è che i cittadini greci, stanchi dell’ipocrisia e del pessimo operato della sinistra soprattutto in campo migratorio, hanno votato in maggioranza il partito di centrodestra Neo Democratia alle elezioni del 7 Luglio.

E tra le prime priorità del nuovo governo, come ribadito dal Vice Ministro Karaoglu ai delegati DEMYC, c’é “l’immediato miglioramento delle condizioni di vita per i rifugiati e gli immigrati, con una particolare attenzione verso i gruppi vulnerabili e la protezione dei minori non accompagnati”.

Non ci resta che augurare buon lavoro al Primo Ministro Mitsotakis e al nuovo governo greco affinché si ponga fine all’umanità solo teorica della sinistra e si attuino soluzioni vere e concrete.

Margherita Saltini
Margherita Saltini
Segretario Generale del DEMYC, precedentemente funzionario presso un'agenzia ONU dopo una laurea in Scienze Politiche e Affari Europei. Dirigente politico con la passione della cucina, esporto i valori e il gusto italiano nei dibattiti internazionali.
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,915FansLike
4,034FollowersFollow

Leggi anche

Tagli a tutela Made in Italy. La farsa di Bellanova e Patuanelli.

L’art. 23 della Legge di Bilancio, attualmente all’esame della Camera, elimina sia le agevolazioni sulle spese sostenute dai consorzi per la tutela legale dei...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Tagli a tutela Made in Italy. La farsa di Bellanova e Patuanelli.

L’art. 23 della Legge di Bilancio, attualmente all’esame della Camera, elimina sia le agevolazioni sulle spese sostenute dai consorzi per la tutela legale dei...

COVID. ONU chiede a UE di garantire il vaccino ai migranti.

I richiedenti asilo nell'UE dovrebbero avere pari accesso ai promettenti vaccini Covid-19, ha dichiarato giovedì il capo dell'agenzia per le migrazioni dell'ONU al Parlamento...

Migranti illegali +1000%. Spagna invia polizia in Africa per fermarli.

Circa 17.000 migranti sono approdati sulle isole spagnole nel 2020, una destinazione popolare per vacanzieri e pensionati provenienti da Gran Bretagna, Germania e altri...

Irpinia, Meloni: ferita mai rimarginata. La sfida e’ lottare contro spopolamento di quei territori

«Alle 19.34 di 40 anni fa la terribile scossa che ha devastato l'Irpinia: 2735 vittime, centinaia di migliaia di sfollati. Una ferita mai rimarginata...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x