“Non metteremo a rischio questa possibilità di battere Macron e salvare la Francia dalla sinistra radicale”: Intervista a Nicolas Bay

La sinistra e la destra sono visioni del mondo, della società e dell'uomo.

Pubblichiamo l'intervista a cura di Álvaro Peñas, tradotta in italiano, pubblicato su The European Conservative

Nicolas Bay è deputato al Parlamento europeo dal 2014. Nel febbraio 2022 è stato sospeso dal Rassemblement National e ha aderito al partito Reconquete di Eric Zemmour. È stato rieletto alle elezioni del 9 giugno ed è membro del gruppo dei Conservatori e Riformisti europei (ECR).

Cosa pensa dei risultati delle elezioni europee in tutta l'UE e in Francia in particolare?

Stiamo assistendo a una vera e propria presa di coscienza a livello europeo delle devastazioni causate dalle politiche socialiste e liberali. In particolare, l' di massa, che alcuni favoriscono sostenendo che compensa il basso tasso di degli autoctoni, sta suscitando un crescente rifiuto. Questa è stata una delle principali preoccupazioni degli elettori di tutti i Paesi dell'UE.

Il patto sull'asilo e la migrazione ha cristallizzato questa diffidenza. Da quasi dieci anni l'Europa sta vivendo una crisi migratoria – che, date le sue dimensioni, si potrebbe addirittura definire un'invasione – e la risposta di Bruxelles è stata quella di organizzare l'arrivo di un numero sempre maggiore di . Grazie a leader come , Jimmie Akesson, Viktor Orbán e Mateusz Morawiecki quando era ancora al potere in Polonia, il patto non è così catastrofico come avrebbe potuto essere, ma è ben al di sotto della posta in gioco e potrebbe creare un ulteriore fattore di attrazione.

Naturalmente, non dimentico il Patto Verde, uno tsunami di norme, e le sue conseguenze catastrofiche per la nostra agricoltura e la nostra competitività, né dimentico la guerra della Russia contro l'Ucraina. Tutte queste preoccupazioni hanno fatto capire a molti europei che ci stiamo dirigendo verso il disastro a causa delle politiche di Bruxelles, sostenute in particolare da Emmanuel Macron e Olaf Scholz. Di conseguenza, più europei che mai hanno sostenuto le forze patriottiche e conservatrici. La sinistra è in forte declino. In Francia, il blocco , grazie soprattutto a Marion Maréchal, ha ottenuto quasi il 37% dei voti, mentre il partito di Macron è crollato al 14,6%. Si tratta di un vero e proprio cambio di paradigma.

Con l'arrivo di nuovi eurodeputati, tra cui diversi francesi, l'ECR è ora il terzo gruppo più numeroso del Parlamento europeo. Qual è la chiave del successo?

Il successo sta nell'essere chiari sulla posta in gioco e nel parlare onestamente di come affrontare i problemi. La nostra famiglia trae la sua forza dal pragmatismo, sia nell'opposizione che nell'esercizio del potere, sempre al servizio del bene comune. Non mentiamo né sui fatti né sulle soluzioni.

I nostri avversari politici di sinistra e di centro non esitano a nascondere i fatti nel peggiore dei casi, a minimizzarli nel migliore; poi promettono meraviglie e prodigi per riparare i danni che hanno causato; infine, impongono un dogmatismo politicamente corretto che mira a soffocare ogni pensiero critico, costruendo una realtà alternativa in cui i migranti sono tutti medici e gli uomini possono essere donne che hanno accesso ai bagni in cui vanno le nostre figlie. Tutto questo non funziona più.

La sconfitta di Macron segna la fine della vecchia politica in Francia?

Sì e no. Sì, perché il cordone sanitario è stato spezzato grazie al coraggio di Éric Ciotti, presidente del partito di centrodestra Les Républicains, che ha attraversato il Rubicone e ha sfidato il divieto decretato da François Mitterrand, il tabù morale che gravava sulla destra, alla quale era vietato allearsi con il Rassemblement national con la minaccia di essere esclusa dall'”arco repubblicano” dall'intellighenzia di sinistra. Per quarant'anni, questa spada di Damocle ha impedito alla destra di unirsi in una coalizione per sconfiggere la sinistra. Finalmente è finita.

Ma no, perché Emmanuel Macron ha preteso di porre fine alla divisione tra destra e sinistra. Avrebbe dovuto porre fine alla “vecchia politica” in Francia. Eppure, questa frattura, che è insuperabile, è tornata con prepotenza ed è più strutturante che mai. La sinistra e la destra sono visioni del mondo, della società e dell'uomo. Una grande parentesi liberale le ha oscurate per decenni in Francia e Macron sembrava essere il culmine di questa tendenza, ma era solo la sua coda di cometa.

La Reconquête ha ottenuto un buon risultato e ha ottenuto 5 eurodeputati, ma tutto è stato complicato dalle elezioni anticipate indette da Macron. Che cosa è successo?

Abbiamo avuto un disaccordo strategico e politico con Éric Zemmour. Ha trascorso la campagna elettorale attaccando il Rassemblement National, come un nemico, mentre per la nostra capogruppo Marion Maréchal il Rassemblement National era certamente un rivale, con il quale abbiamo differenze molto evidenti (in filosofia politica, in , sulla difesa della famiglia, e anche sull'immigrazione), ma che vedevamo come un futuro partner da non insultare per poter sconfiggere Macron e la sinistra. Inoltre, Éric Zemmour ha messo in atto un'escalation di provocazioni verbali che nuoce alla chiarezza della nostra proposta politica.

La sera del 9 giugno, dopo che Marion Maréchal era riuscita a superare la soglia del 5% necessaria per avere degli eletti al Parlamento europeo – un risultato non da poco con il RN al 31,4% – Emmanuel Macron ha annunciato lo scioglimento dell'Assemblea nazionale. Immediatamente ci si è presentata un'opportunità storica: costruire una coalizione elettorale per cercare di vincere le elezioni legislative e assicurarsi una maggioranza di destra. Marion voleva farlo, ma Éric Zemmour ha preferito schierare candidati che si sarebbero limitati a una testimonianza (senza alcuna prospettiva di ottenere qualcosa di più di un risultato simbolico dell'1 o 2% dei voti a livello nazionale) e a dividere i voti, con il rischio di far perdere la destra… e di permettere all'estrema sinistra, rapidamente unita, di andare al potere.

Di fronte al nostro rifiuto di assecondare la sua corsa a perdifiato, Éric Zemmour ha espulso noi, i suoi tre vicepresidenti appena eletti europarlamentari e la nostra compagna Laurence Trochu, presidente del Movimento conservatore, anch'essa eletta. Ne prendiamo atto. Non metteremo a repentaglio questa possibilità di battere Macron e di salvare la Francia dal pericolo rappresentato dalla sinistra radicale. Abbiamo scelto di sostenere l'Unione nazionale, come del resto ha fatto il presidente dei Républicains Éric Ciotti, che ha individuato lo stesso pericolo e si è unito a questa coalizione, mentre quasi tutti i dirigenti del suo partito hanno preferito rimanere nell'ovile di Emmanuel Macron, al quale senza dubbio si uniranno nel prossimo futuro.

Perché sembra così difficile trovare un accordo tra le forze di destra?

In Francia, il famoso cordone sanitario messo in atto da François Mitterrand ha fatto molto male perché il centro-destra vi si è sempre sottomesso. Ma così facendo hanno dimostrato di non essere semplicemente di destra, di non essere conservatori, di essere fondamentalmente di orientamento liberale e di essere inoltre irresistibilmente attratti da Macron dal 2017.

La dissoluzione ha fornito un chiarimento molto necessario. La destra è ora in gran parte unita da un accordo elettorale; naturalmente ci sono delle sfumature e anche all'interno di questa coalizione conserviamo le nostre rispettive peculiarità. Per noi e per Éric Ciotti non c'è assolutamente la possibilità di aderire al Rassemblement National. Ma vogliamo lavorare insieme, contro il progetto mortifero della sinistra e il record di Emmanuel Macron. All'interno di questo accordo, difenderemo le nostre priorità conservatrici.

Pensa che l'appello di Macron all'”unità contro gli estremi” sia stato un fallimento? Cosa pensa del Fronte Popolare della Sinistra?

La strategia di Macron è la stessa applicata dal centro-destra e dal centro-sinistra per quarant'anni. Non funziona più. Lo stesso Macron ha perso ogni credito. La situazione spaventosa in cui si trova la Francia – bilancio, sicurezza, migrazione, diplomazia… – è il suo record. I francesi non si fidano più di lui, come dimostrano i risultati del 9 giugno. Macron conserverà aree di forza nei grandi centri urbani, ma sarà un canto del cigno.

Per quanto riguarda la sinistra, possiamo notare che, come sempre, è stata in grado di unirsi facilmente, dai socialdemocratici come l'ex presidente François Hollande e Raphaël Glucksmann, che qualche settimana fa continuavano a giurare di non avere nulla a che fare con il leader della sinistra radicale Jean-Luc Mélenchon, ai gruppi antifa violenti, ai comunisti e persino agli antisemiti o ai musulmani radicali. La sinistra dimostra che, nonostante le sue numerose sfumature, non c'è differenza di natura. Alcuni hanno semplicemente più fretta di altri.

Questa coalizione, di cui la France insoumise di Mélenchon è il cuore, rappresenta un pericolo mortale per la Francia. Se andasse al potere, il danno sarebbe irreparabile. Il suo programma è spaventoso: regolarizzare tutti gli immigrati clandestini e aumentare drasticamente l'immigrazione, liberare i criminali nelle strade, porre fine ai diritti di proprietà, aumentare il deficit di bilancio di 200 miliardi di euro… La destra deve vincere queste elezioni. È fondamentale se vogliamo evitare la rovina e il caos nel nostro Paese.

Qual è la posta in gioco per la Francia, e in larga misura per l'Europa, nelle prossime elezioni dell'Assemblea nazionale?

Per la Francia, come ho appena detto, si tratta di evitare la rovina e il caos, sia accelerando con la sinistra sia compiendo passi più misurati con Macron. Una vittoria della destra è essenziale per proteggere i francesi, risanare le finanze pubbliche, ripristinare i nostri sistemi educativi e sanitari, abbassare le tasse (le più alte in Europa) per liberare il lavoro e la crescita, fermare l'immigrazione di massa e cacciare i clandestini, combattere l' radicale… È un compito titanico, ma c'è ancora tempo.

Per quanto riguarda l'Europa, se la destra vince in Francia, saremo in grado di avviare l'UE sulla strada delle riforme necessarie per consentire alle nostre nazioni di cooperare pur rimanendo sovrane, piuttosto che perseguire la marcia federalista voluta da Macron e da altri. Potremmo far valere tutto il nostro peso sui nostri alleati e amici già al potere per riequilibrare l'Unione europea e garantire il rispetto dei Trattati. In particolare, rinegozieremmo il Patto Verde e il Patto sulla Migrazione in modo che siano meno ideologici e più in linea con gli interessi della nostra civiltà.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x