Nuovi provvedimenti sul contrasto all’immigrazione illegale: clandestini trattenuti ed espulsi

Come preannunciato il 17 settembre dal presidente a Lampedusa, il Consiglio dei Ministri di lunedì 18 settembre ha deliberato alcune importanti misure in tema di . In particolare, si estende – come consentito dalla normativa eurounitaria – a 18 mesi (6 mesi iniziali, seguiti da proroghe trimestrali) il limite massimo di permanenza nei cosiddetti Centri per il rimpatrio (C.p.r.) degli stranieri non richiedenti asilo, per i quali sussistano esigenze specifiche (se lo straniero non collabora al suo allontanamento o per i ritardi nell'ottenimento della necessaria documentazione da parte dei Paesi terzi). Il limite attuale è di 3 mesi, con una possibile proroga di 45 giorni.

In questo senso, si rinforzano le procedure di rimpatrio, dal momento che gli immigrati saranno trattenuti il tempo necessario a stabilire se possiedono i requisiti per rimanere. In mancanza, saranno immediatamente espulsi.

È stata prestata anche una particolare attenzione nei confronti delle categorie più deboli, tanto che saranno predisposti canali differenziati per donne e bambini, ai quali, per l'appunto, sarà garantita ogni tutela possibile, proprio nell'ottica di una azione mirata a difendere coloro che si trovano realmente in uno stato di bisogno.

Inoltre, si prevede l'approvazione, con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro della difesa, di un piano per la costruzione, da parte del Genio militare, di ulteriori C.p.r., da realizzare in zone scarsamente popolate e facilmente sorvegliabili.

Sarà dunque l'esercito ad allestire nuovi centri di permanenza, colmando le carenze dovute ad anni di politiche di sinistra che hanno totalmente trascurato questi fondamentali presidi di legalità.

Questi nuovi provvedimenti confermano l'approccio che il sta tenendo sul fronte dell': ora è l'Italia a scegliere chi può rimanere in Italia, non più i trafficanti di vite umane. L'illegalità e le morti in mare sono una piaga per il nostro paese e per l' intera da troppo tempo, e l'unico modo per invertire la rotta è bloccare le partenze dai paesi di origine, cooperando proprio con questi in un'ottica paritaria e di reciproco interesse.           
Le misure deliberate dal Cdm confermano dunque la nuova direzione intrapresa dall'esecutivo italiano, che è riuscito a convincere anche l'Ue a seguirlo su questa nuova rotta verso la legalità.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

1 commento

0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

1
0
Would love your thoughts, please comment.x